Foto: Ruggiero Scardigno

Macchine utensili, il 2019 chiude in rosso, ma il calo è moderato e non preoccupa le imprese

Il comparto delle macchine utensili chiuderà il 2019 a quota 6.440 milioni di euro, facendo registrare un -4,9% sull’anno precedente. Un calo che Ucimu – Sistemi per Produrre considera “moderato e atteso”. “Accettabile” il nuovo piano di incentivi basato sui crediti di imposta

Continua a leggere

Carboniero (Ucimu): “Per il 2020 si riconfermi l’iperammortamento”

Massimo Carboniero, presidente di Ucimu – Sistemi per Produrre, si dice favorevole al rinnovo di super e iperammortamento, anche se solo per un anno, per poi sedersi attorno a un tavolo nel 2020 e avviare un confronto per rendere il piano strutturale. No al passaggio a un credito d’imposta di valore nettamente inferiore.

Continua a leggere
Foto: Ruggiero Scardigno

Macchine utensili, nel secondo trimestre il calo degli ordini prosegue (e accelera)

Nel secondo trimestre prosegue il calo degli ordini già registrato a inizio anno: i dati resi noti dal Centro Studi di Ucimu – Sistemi per Produrre parlano di una diminuzione degli ordini del 31,4% rispetto all’anno precedente, un trend di cui sono corresponsabili sia l’andamento del mercato interno (-43%) sia le esportazioni (-28,5%). Oggi l’incontro sul futuro del piano Impresa 4.0.

Continua a leggere
Foto: Ruggiero Scardigno

Macchine utensili, fatturato 2018 verso quota 7 miliardi

Il fatturato realizzato dai costruttori di macchine utensili raggiungerà nel 2018 i 6,9 miliardi di euro, registrando una crescita del 13,4% rispetto al precedente anno, e supererà i 7 miliardi nel 2019. C’è fiducia per il rinnovato dialogo tra Governo e imprese, ma anche preoccupazione per il depotenziamento del Piano Industria 4.0.

Continua a leggere

Macchine utensili, ordini col turbo. Calenda: “Gli incentivi all’innovazione devono diventare strutturali”

Nel 2017 gli ordini di macchine utensili sono cresciuti del 13,7%, con il mercato interno (+45,9%) a farla da padrone. Soddisfatto Calenda. Carboniero invece è perplesso sull’efficacia del credito d’imposta per le spese in formazione.

Continua a leggere