Le violazioni dei dati costano alle aziende 4,24 milioni, ma il livello di digitalizzazione riduce tempi di risposta e perdite

La rapida adozione dello smart working da parte delle aziende ha contribuito ad aumentare il rischio di attacchi informatici. Secondo il rapporto Cost of a Data Breach Report di IBM Security le credenziali utente compromesse sono il metodo più comune utilizzato dagli aggressori. Le aziende più avanti nel percorso di digitalizzazione si sono mostrate più preparate ad affrontare le sfide emerse.

Continua a leggere

Manifatturiero, anche a luglio continua la ripresa: l’indice PMI tocca il quarto valore più alto di sempre

Continua la ripresa del settore manifatturiero italiano. L’indice PMI elaborato da IHS Markit tocca il quarto valore più alto di sempre. Aumentano ordini, produzione e occupazione. Cala però l’intensità della ripresa a causa dele pressioni sulla capacità e le interruzioni sulla fornitura.

Continua a leggere

La manifattura italiana supera i livelli pre-Covid e recupera il divario produttivo, ma c’è incertezza sui ritmi della ripresa nei prossimi mesi

Il manifatturiero italiano consolida la ripresa del fatturato nei primi cinque mesi del 2021, superando i livelli pre-Covid grazie alla spinta congiunta del mercato interno e dei mercati internazionali (+5,3% a valori correnti, rispetto al periodo gennaio-maggio 2019). Resta un gap da colmare in termini di produzione (-2,6%, sempre rispetto ai primi cinque mesi del 2019), ma nettamente inferiore al ritardo accumulato dalle manifatture tedesca (-8%), francese (-7,4%) e spagnola (-5,1%). L’analisi dei dati, realizzata da Prometeia e Intesa Sanpaolo, conferma le attese positive per i prossimi mesi. Tuttavia, variabili quali l’aumento dei contagi, il rialzo dei costi di approvvigionamento e delle materie prime, lasciano incertezza sui ritmi della ripresa nei prossimi mesi.

Continua a leggere

Ai metalmeccanici lo smart working piace. Benaglia (Fim Cisl): “Ora usciamo dall’ottica emergenziale”

La grande maggioranza dei lavoratori metalmeccanici che nel 2020 ha sperimentato lo smart working ne dà un giudizio molto positivo, con il 58% che vorrebbe continuare a lavorare da casa per due o tre giorni alla settimana anche ad emergenza finita: sono i risultati della ricerca condotta da Fim Cisl insieme a Adapt e all’Università Cattolica di Milano. Nella metà dei casi l’esperienza di smart working è stata improvvisata. Secondo Benaglia bisogna fare di più per garantire il diritto alla disconnessione e benefit adeguati anche a chi lavora da remoto.

Continua a leggere

Meccanica, per due aziende su tre recupero completo già nel 2021

Secondo i dati di Anima Confindustria (l’organizzazione industriale di categoria che rappresenta le aziende della meccanica varia e affine), il settore della meccanica si sta riprendendo a ritmi più veloci delle attese, con due aziende su tre prevedono di recuperare le perdite subite nel 2020 a causa della pandemia già a fine 2021. Il 59% del campione analizzato prevede addirittura di fatturato uguale o superiore al 5% rispetto ai dati del 2019. La ripresa, tuttavia, non interessa allo stesso modo tutti i comparti del settore…

Continua a leggere

Carrelli industriali, il mercato ha assorbito lo shock della pandemia nonostante l’interruzione delle attività e mostra segnali di ripresa

Nonostante la flessione del 10% del mercato registrata nel 2020, il settore dei carrelli industriali ha resistito allo shock della pandemia. I dati diffusi dall’associazione Aisem (associazione dei costruttori e distributori di carrelli industriali operanti in Italia) parlano, inoltre, di segnali di ripresa già dalla seconda metà del 2020, che si sono consolidati nella prima metà del 2021.

Continua a leggere

Giorgetti attiva il fondo previsto dal Decreto Sostegni: 400 milioni per le grandi imprese in difficoltà

Il Ministro dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha firmato il decreto attuativo che istituisce il fondo da 400 milioni di euro previsto dal decreto Sostegni e destinato a sostenere le grandi imprese che si trovano in difficoltà a causa della pandemia.

Continua a leggere

Macchine tessili, la pandemia accelera la digitalizzazione del settore. Zucchi (Acimit): “Digitale chiave per accrescere la competitività”

La pandemia ha duramente colpito il settore delle macchine tessili, ma ne ha anche accelerato la digitalizzazione: è quanto sottolinea Acimit, l’Associazione che rappresenta i costruttori italiani di macchine tessili. Nel corso dell’assemblea dell’Associazione, il Presidente Alessandro Zucchi ha sottolineato l’importanza di digitalizzare i processi produttivi e organizzativi per accrescere la competitività delle aziende.

Continua a leggere

Il Digitale assorbe la crisi: il mercato crescerà del 7,1% all’anno nel periodo 2021-2024

Una crescita media annua del 7,1% se si utilizzeranno appieno le risorse messe a disposizione dal PNRR e se si attueranno le riforme programmate: sono queste le previsioni contenute nel rapporto di Anitec-Assinform sul mercato digitale. Secondo il presidente di Confindustria Bonomi l’Italia si trova a vivere un “momento magico” di cui occorre approfittare per superare, grazie al Digitale, le disuguaglianze che la pandemia ha accentuato

Continua a leggere

L’allentamento delle restrizioni anticipa (e accelera) la ripresa dell’economia italiana

I dati del Centro Studi Confindustria mostrano segnali di ripresa migliori delle attese, grazie al buon andamento della campagna vaccinale e al significativo crollo dei contagi, che ha favorito una ripartenza anticipata di 1-2 mesi rispetto alle previsioni. Tutti i principali indicatori dello stato dell’economia mostrano segnali incoraggianti. L’Italia fa meglio anche della Germania. La ripartenza dei servizi e dei consumi si affianca alla già consolidata ripresa dell’industria.

Continua a leggere

L’Ocse: “PMI colpite duramente dalla pandemia, ma fondamentali per crescita e innovazione: i Governi riducano i fattori di rischio”

Il rapporto dell’Ocse “SME and Entrepreneurship Outlook 2021” sottolinea che i sostegni messi in campo dai governi a favore delle PMI per fronteggiare la crisi provocata dalla pandemia si sono rilevati cruciali per la sopravvivenza delle PMI. Nonostante i segnali positivi e di ripresa che si stanno registrando, il supporto pubblico resta fondamentale per evitare che aumentino le disuguaglianze preesistenti.

Continua a leggere