Circular Certification Product, lo schema ideato da ICMQ ed Enel X che certifica la circolarità delle imprese

Un nuovo approccio all’economia circolare: è questo l’obiettivo del Circular Certification Product, il nuovo schema di certificazione ideato da ICMQ ed Enel X grazie al quale le imprese potranno misurare e certificare i propri prodotti in base a un indice di circolarità riferito all’intero ciclo di vita.

Pubblicato il 15 Feb 2023

logo circular certification

Un nuovo approccio all’economia circolare: è questo l’obiettivo del Circular Certification Product, il nuovo schema di certificazione ideato da ICMQ ed Enel X grazie al quale le imprese potranno misurare e certificare i propri prodotti in base a un indice di circolarità riferito all’intero ciclo di vita.

Chi richiederà la certificazione potrà utilizzare lo strumento che, tramite un’analisi del prodotto e la relativa quantificazione attraverso i quattro indici di misurabilità delle materie prime, dell’energia, dell’acqua e dei rifiuti, sarà in grado di evidenziare i contributi provenienti da materiali recuperati o riciclati e da fonti energetiche rinnovabili. Lo schema di certificazione implementato è stato subito adottato da Circular Evolution, l’associazione nata dalla partnership tra Cesi, Enel X e ICMQ e di cui Bulgari rappresenta il primo socio ordinario, fondata per divulgare la conoscenza, la diffusione e l’applicazione dei principi della Circular Economy, ponendosi l’obiettivo di rappresentare un punto di riferimento in tutti gli ambiti dell’Economia Circolare in Italia e all’estero.

L’indice di circolarità

I parametri utilizzati dall’NCI (New Circularity Index) sono oggettivi e condivisi, riguardano l’intero ciclo di vita del prodotto e possono essere classificati in varie categorie. L’azienda che richiede Circular Certification Product potrà dunque monitorare le caratteristiche del prodotto ed eventualmente attivarsi per migliorare la propria circolarità. Lo strumento effettua inoltre la raccolta dei dati necessari per ottenere un’analisi di inventario completa: è questo il primo step per realizzare lo studio del ciclo di vita del prodotto (LCA), destinato alla redazione della EPD (Dichiarazione ambientale di prodotto).

Lo Schema di Certificazione in pillole

Lo Schema di Certificazione si sviluppa in tre principali fasi: calcolo dell’Indice di Circolarità da parte del richiedente la certificazione (mediante l’uso del tool messo a disposizione del fabbricante); ispezione iniziale della fabbrica da parte dell’Organismo di Certificazione e verifica della correttezza dei valori inseriti nel tool di calcolo; verifica di alcuni aspetti del controllo di produzione.

Successivamente, se l’esito è positivo, il richiedente otterrà l’emissione del certificato di conformità che attesta il valore dell’NCI, il diritto all’uso del marchio di conformità con la possibilità di comunicare il livello di circolarità (basato su una scala di 5 livelli) e un monitoraggio periodico dell’NCI, da parte dell’Organismo di Certificazione, per i prodotti oggetto di certificazione.

Circular Certification Product rappresenta dunque una certificazione unica che fornisce strumenti concreti per la misurazione del livello di adozione dei modelli di economia circolare dal punto di vista del prodotto.

“Per poter applicare la sostenibilità, è necessario fornire strumenti operativi alle aziende”, commenta Lorenzo Orsenigo, Presidente di ICMQ in una nota. “Gli indici di circolarità sono importanti per poter certificare il prodotto e costituiscono la base per arrivare alla EPD. Dunque, l’Indice di Circolarità rappresenta anche il completamento di un percorso verso la Dichiarazione ambientale di prodotto di cui EPDItaly è il Program Operator italiano accreditato da Accredia”.

Valuta la qualità di questo articolo

G
Daniela Garbillo

Giornalista pubblicista con 30 anni di esperienza di redazione, coordinamento e direzione maturata presso case editrici, gruppi e associazioni in diversi settori, dalle tecnologie innovative alle energie rinnovabili, dall'occhialeria al beauty, all'architettura. All'attivo anche importanti esperienze in comunicazione, organizzazione di eventi e marketing.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5