Sew-Eurodrive lancia il sistema di movimentazione a induzione Movitrans

Più rapidità ed efficienza in meno spazio: il sistema Movitrans nelle versioni “Spot” e “Line” di Sew-Eurodrive con trasferimento di energia senza contatto è una soluzione pensata per coprire lunghe distanze in maniera flessibile, affidabile e semplice

Pubblicato il 14 Ott 2022

Movitrans spot

Consentire il trasferimento ottimale dell’energia anche per lunghi tracciati è alla base della tecnologia Movitrans di Sew-Eurodrive che sfrutta il principio dell’alimentazione attraverso l’induzione elettromagnetica.

Le soluzioni tradizionali per alimentare macchine o dispositivi dipendono da sistemi di alimentazione ad avvolgicavo o con blindosbarre che comportano la posa di conduttori ingombranti o installazioni fisse a pavimento, tecnologie consolidate ma datate, che sono soggette ad usura e necessitano quindi di regolare manutenzione. Si tratta di sistemi poco performanti che non garantiscono il raggiungimento di velocità elevate e hanno una serie di complicazioni a livello di funzionamento.

Per superare questi limiti, Sew-Eurodrive propone Movitrans, un sistema che permette di evitare la posa di conduttori ingombranti e di dover eseguire una regolare manutenzione o installazioni fisse a pavimento. Un sistema senza contatto che non necessita di quadro elettrico, è silenzioso, non soggetto a usura e richiede quindi una ridotta manutenzione assicurando nel contempo un trasferimento di energia ottimale anche su lunghe distanze. Una soluzione che garantisce, quindi, un risparmio notevole in termini di tempo installazione, costi di gestione e di spazio.

Si tratta di un’opzione ideale per i sistemi di movimentazione flessibile dei materiali, in tutti i settori: sistemi di trasporto a pavimento, sistemi monorotaia elettrificati (EMS), sollevatori o navette, sistemi mobili a guida autonoma, sistemi di trasferimento dei pallet, sistemi di stoccaggio e prelievo, navette con tavole elevabili, sistemi di trasporto in centri logistici.

Grazie alla sua modularità, è un sistema di trasferimento di energia contactless molto versatile che può essere adattato con semplicità per rispondere alle diverse necessità degli impianti.

Il sistema si arricchisce oggi di due nuove versioni: Movitrans Line e Movitrans Spot, entrambi costituiti sia da componenti fisse, in cui la diversa tipologia della parte stazionaria costituisce la differenza sostanziale tra i due sistemi, che da componenti mobili.

Movitrans Line

Movitrans Line consente di adattare in qualsiasi momento le movimentazioni intralogistiche in base alle esigenze. Si compone di tre elementi fissi e due mobili: un’unità di alimentazione decentralizzata – Tes, una scatola fissa di compensazione fissa – TCS e una spira (cavo circolare TLS-E o piatto TLS-K) della lunghezza necessaria per alimentare il dispositivo mobile durante tutto il percorso. Le parti mobili-EKV accumulano l’energia necessaria che viene stoccata in un serbatoio e che, tramite un Pick-up piatto o a U, recepisce l’energia e per elettromagnetismo converte l’induzione in tensione elettrica.

Si tratta di una soluzione molto usata nell’Automotive, nella logistica e particolarmente apprezzata anche nel settore alimentare in quanto garantisce l’assenza di sostanze inquinanti. Essendo un sistema che viene installato sottopavimento, inoltre, consente un agevole e sicuro lavaggio delle superfici.

Con il sistema Movitrans Line il componente del serbatoio energetico non è sempre necessario: se è possibile elettrificare tutti gli spazi di cui bisogna disporre, per esempio, non è fondamentale utilizzarlo.

Movitrans line

Movitrans Spot

Con Movitrans Spot è necessario, invece, dotare sempre il veicolo di un serbatoio energetico a supercondensatori. Il generatore stazionario è, in questo caso, un dispositivo circolare, fisso, dove l’induzione viene generata attraverso una spira, un punto di arresto fisso sopra una piastra di ricarica a induzione stazionaria concentrata in una zona ben precisa.

Movitrans Spot offre sistemi sottopavimento per i nuovi edifici e installazioni flessibili a pavimento che possono essere riadattate in qualsiasi momento. Optando per questa soluzione, i veicoli non sono dipendenti da binari fissi o cavi di Linea e possono muoversi autonomamente e liberamente nello spazio disponibile.

È costituito da quattro componenti fissi e due mobili (che possono essere integrati rapidamente e facilmente all’interno di sistemi di automazione esistenti): un’unità di alimentazione decentralizzata-Tes, scatola di compensazione-TCS, piastre di ricarica TCS50 e piastre di ricarica-TFS 10A e TFS50A, piastre di installazione-TIS30A, Pick Up TDM80E e unità di accumulo dell’energia EKV.

È un sistema che rappresenta un importante sviluppo nell’ambito del portfolio di soluzioni di Sew-Eurodrive per il trasferimento di energia senza contatto. È ideale come soluzione di ricarica per applicazioni e veicoli mobili non soggetta a usura e assicura elevata flessibilità, grazie all’unità di accumulo di energia.

Nelle situazioni in cui deve essere garantita una continuità di servizio, Movitrans Spot è senz’altro la scelta migliore. Nel caso in cui siano invece previsti picchi di energia (per esempio, con accelerazioni improvvise o sforzi notevoli) o quando non è possibile per motivi logistici posizionare la traccia, Movitrans Line munito di serbatoio energetico è la scelta preferibile.

Movitrans spot

I benefici

Grazie alle sue caratteristiche tecniche e all’elevata versatilità dei componenti esistenti che possono adattarsi al layout del sistema, Movitrans consente un contenimento dei costi sugli investimenti, ma anche sulla messa in servizio e sul funzionamento. Allo stesso tempo, permette di incrementare la produttività: combina infatti la massima affidabilità del sistema con un funzionamento non soggetto a usura e che non richiede manutenzione. È molto semplice da utilizzare ed è altamente efficiente grazie alle più recenti tecnologie per i componenti.

Anche in un’ottica di sostenibilità, tematica a cui Sew-Eurodrive è molto attenta, Movitrans, in entrambe le soluzioni, si rivela una scelta ottimale. Non prevede l’utilizzo di batterie che necessitano di essere smaltite, provocando quindi un notevole danno a livello ambientale e il numero di cicli di ricarica di un condensatore è nettamente più alto rispetto a quello garantito dalle batterie.

Valuta la qualità di questo articolo

Redazione

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e si è affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è una testata del Network Digital360 diretta da Franco Canna

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 4