L’industria 4.0 cambia il marketing

L’industria 4.0 influenza il marketing? E come cambia il ruolo del commerciale alla luce degli sviluppi tecnologici? Se lo è chiesto Bartolo La Gristina nella sua tesi di laurea, realizzata con il supporto di One Team, società di consulenza nata nel 1997 a Milano e operativa nella fornitura di hardware, software, programmi per l’industria 4.0 e formazione. L’azienda è stata studiata in una tesi di laurea, che ha approfondito proprio la strategia di industria 4.0 dell’azienda informatica, ma che ha anche fatto un’analisi su un campione di 120 imprese per comprendere il grado di implementazione delle tecnologie 4.0.

I numeri

Dalla ricerca tra cento aziende di tutto il territorio nazionale, è emerso che l’8% ha osservato progetti 4.0 implementati nella propria azienda, il 12% in altre aziende, il 21% ha partecipato a eventi a tema. Solo l’8% del campione non ne aveva mai sentito parlare. Nel complesso, il 56% di chi adoperato tecnologie dell’internet of things viene da aziende medio-grandi. La tecnologia più adottata risulta il cloud, mentre robot, realtà virtuale, analisi dei big data e internet delle cose sono più diffusi tra le aziende più strutturate.

Le conclusioni

La ricerca evidenzia che il “marketing può beneficiare di tecnologie che hanno tutte le potenzialità per migliorarne le decisioni e il controllo organizzativo, indirizzando le decisioni aziendali in modo più oggettivo e realistico”.

La ricerca completa si può leggere al seguente link.

Luca Zorloni

Cronaca ed economia mi sono sembrate per anni mondi distanti dal mio futuro. E poi mi sono ritrovato cronista economico. Prima i fatti, poi le opinioni. Collaboro con Il Giorno e Wired e, da qualche mese, con Innovation Post.

luca has 125 posts and counting.See all posts by luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Pin It on Pinterest