Dall’Unione Europea un concorso a premi per lavoratori e aziende sull’importanza del lavoro regolare

Imprese e lavoratori hanno la possibilità di vincere i premi messi in palio dalla Commissione Europea nell’ambito della campagna #EU4FairWork, volta al contrasto del lavoro sommerso.

L’iniziativa, dal titolo #EU4Fair Work Competition, dà la possibilità di raccontare la propria esperienza personale (come lavoratore o datore di lavoro) nel poter beneficiare dei vantaggi del lavoro regolare, oppure semplicemente diffondere il messaggio che il lavoro regolare è un valore fondamentale per tutti.

Come? Attraverso una foto o un video di massimo 90 secondi in cui si dovrà condividere un’esperienza concreta o una riflessione sui benefici legati ai rapporti di lavoro regolare e sicuro. I contenuti dovranno includere in modo creativo gli slogan della campagna (“Fair Work, Fair Play” oppure “Earn. Declare. Benefit.”) e l’hashtag ufficiale #Eu4FairWork.

Lavoratori e aziende di tutti i Paesi membri dell’Unione Europea si contenderanno il titolo riservato ai tre vincitori per ciascuna delle due categorie, assegnato a settembre 2020.

I premi della categoria “Lavoratori” sono:

  • Un visore VR dal valore di 500 euro
  • Un tablet dal valore massimo di 500 euro
  • Una macchina fotografica con obiettivo dal valore massimo di 500 euro
  • Un mini PC portatile dal valore massimo di 500 euro
  • Un anno di abbonamento a LinkedIn Premium

I premi della categoria “Aziende” sono invece:

  • Realizzazione di un video aziendale personalizzato
  • Un buono per la formazione online dal valore di massimo 500 euro
  • 500 euro per l’organizzazione di un evento aziendale
  • 500 euro per la realizzazione di articoli promozionali con il logo aziendale

Sarà possibile partecipare fino al 21 agosto 2020, compilando i moduli e allegando il materiale richiesto all’interno della pagina per il contest Lavoratori e di quella per il contest Aziende.

Francesco Bruno

Giornalista professionista, laureato in Lettere all'Università Cattolica di Milano, dove ha completato gli studi con un master in giornalismo. Appassionato di sport e tecnologia, compie i primi passi presso AdnKronos e Mediaset. Oggi collabora con Dazn e Innovation Post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.