A SPS Siemens presenta Tensorbox, per applicazioni industriali complesse di Intelligenza Artificiale e Computer Vision

In occasione della decima edizione di SPS Italia, che si è svolta a Parma dal 24 al 26 maggio, Siemens ha presentato Simatic IPC 520A Tensorbox, un nuovo PC industriale caratterizzato da da un’elevata potenza di calcolo di CPU e GPU e basato su una piattaforma Nvidia che offre una vasta disponibilità di librerie preconfigurate selezionabili da catalogo e di modelli pre-allenati.

Ciò permette numerose applicazioni basate su Intelligenza Artificiale e Computer Vision, principali scopi di utilizzo del prodotto. Il nuovo Simatic IPC 520A Tensorbox consente l’elaborazione di reti neurali (AI) ad alte prestazioni con tecnologia Nvidia con 16 GB di memoria di massa eMMC, con pieno supporto a Nvidia CUDA o Jetpack, vanta inoltre una ampia gamma di possibilità di connessioni, per adattarsi a qualunque ambiente industriale.

Come tutta la famiglia Simatic, anche IPC 520A Tensorbox offre un grado di affidabilità altissimo, con una qualità industriale: il design non ha parti meccaniche in movimento (Fanless e Diskless), mentre la diagnostica visiva, grazie alla presenza di led di stato, permette un uso senza display. In più, possiede certificazioni specifiche che lo rendono la soluzione ideale in tutto il
mondo.

“Tensorbox permette di utilizzare funzionalità di AI molto complesse e non di semplice utilizzo ai nostri clienti che si occupano di tutt’altro. Questo semplifica loro l’integrazione all’interno delle loro soluzioni di automazione, facilitando l’utilizzo e riducendo i tempi di ingegneria”, spiega Marcello Scalfi, Team Leder Basic Automation.

Disponibile da marzo 2022, con brevi tempi di consegna e test preventivi, Tensorbox è una piattaforma per applicazioni di Intelligenza Artificiale complesse in campo industriale, come il controllo qualità avanzato, il monitoraggio di zone a rischio, il rilevamento dei difetti di una linea di imballaggio, la supervisione delle operazioni di dipendenti e collaboratori, la gestione di zone termografiche, l’ottimizzazione delle operazioni, la manutenzione predittiva e, infine, la gestione di veicoli intelligenti.

 

Siemens vince il premio per la migliore tecnologia abilitante per la sostenibilità

E proprio le applicazioni sono state il concept alla base dei prodotti e delle soluzioni che Siemens ha portato alla decima edizione di SPS. “Il motto di quest’anno è stato ‘innovation in action’, ovvero mettere in mostra innovazioni tecnologiche e prodotti che sono a servizio di applicazioni realizzate insieme ai nostri clienti”, aggiunge Scalfi.

Proprio una di queste applicazioni, “Analisi intelligente dei consumi energetici”, si è aggiudicata (a pari merito con un altro progetto) il premio “Miglior Tecnologia abilitante per la sostenibilità” dell’Osservatorio Sostenibilità nell’industria – progetto realizzato da SPS Italia in collaborazione con ANIE Automazione, ANIE Energia, +CIM4.0, MADE Competence Center I4.0 e Porsche Consulting – presentato durante la conferenza inaugurale della fiera.

Nella foto, da sinistra: Matteo Malara, Prianka Paithankar, Giulia Clemente e Giuliano Busetto, Head of Digital Industries Siemens in Italia.

Il caso applicativo vincente ha coinvolto un cliente leader nel settore automobilistico. L’obiettivo era quello di monitorare e gestire in modo intelligente i consumi degli impianti produttivi, al fine di essere in linea con la vision aziendale.

La scelta è caduta su Industrial Edge, soluzione che permette di concentrare l’acquisizione e l’analisi dei dati provenienti dalle linee integrando il livello di automazione con applicazioni basate su linguaggi ad alto livello e tecnologia container, gestibili in modo flessibile.

Nel caso specifico, il cliente ha utilizzato la flessibilità di Industrial Edge per acquisire e centralizzare i dati di consumo e di produzione in un’unica piattaforma con un duplice scopo:

  • monitorare gli eKPIs (Energy Key Performance Indicators), costi ed emissioni di CO2 grazie all’uso di Energy Manager, applicazione disponibile nell’ecosistema Industrial Edge
  • creare un modello energetico grazie all’uso di una applicazione di AI customizzata, sfruttando algoritmi e dati di consumo precedentemente acquisiti.

Grazie all’introduzione di questa nuova soluzione il cliente ha potuto ottimizzare e semplificare la gestione dei suoi consumi rispettando le linee guida aziendali e gli obiettivi di sostenibilità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.