Industria 4.0, l’iper ammortamento ha stimolato oltre 25 miliardi di investimenti tra il 2017 e il 2018

Secondo i dati forniti dal Centro Studi Confindustria e Ministero dell’Economia e delle Finanze, l’iper ammortamento ha favorito investimenti in macchinari e apparecchiature incorporanti tecnologie 4.0 per 10,2 miliardi di euro nel 2017 e 15,2 nel 2018. A fruire maggiormente del beneficio sono state le PMI del manifatturiero. Positivi gli effetti sull’occupazione (+7%).

Continua a leggere

Centro Studi Confindustria: “La crisi 2020 potrebbe avere effetti permanenti sulla potenzialità di crescita”

Il 2020 si chiuderà con un calo del PIL del 10%, che porterà il Paese ai livelli di 23 anni fa, mentre nel 2021 ci sarà un recupero del 4,8%, sempre ammesso che la crisi sanitaria sia tenuta sotto controllo. Sono i numeri principali contenuti nel rapporto pubblicato dal Centro Studi Confindustria, che mette in guardia: il forte shock subito dall’economia italiana, sommato all’incertezza sull’evoluzione dell’emergenza sanitaria, “potrebbe avere effetti permanenti sulla potenzialità di crescita”.

Continua a leggere

Cento milioni per la trasformazione tecnologica e digitale delle PMI: ecco termini e modalità per fruire dell’incentivo

Sono stati definiti da un decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese del Ministero dello Sviluppo Economico termini e modalità di presentazione delle domande per accedere agli incentivi per la digitalizzazione delle PMI. A disposizione 80 milioni di finanziamenti agevolati e 20 milioni a fondo perduto.

Continua a leggere

Patuanelli: “Useremo le risorse per una crescita sostenibile e inclusiva. Per Transizione 4.0 sul piatto 25 miliardi”

Davanti alla decima commissione del Senato il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli traccia le linee di politica industriale dell’Italia per i prossimi anni. Su Industria 4.0, considerata una priorità, dice che ci vorranno 25 miliardi e che si lavorerà sia con i fondi in arrivo dal Recovery Plan sia con altre risorse

Continua a leggere

Intelligenza artificiale, la strategia italiana (di nuovo) in consultazione pubblica

Si avvia a conclusione il lungo iter che porterà l’Italia a formalizzare la sua strategia sull’Intelligenza artificiale. È infatti in consultazione pubblica per tutto il mese di ottobre il documento elaborato dal Ministero dello Sviluppo Economico sulla base delle proposte definite a luglio dagli esperti. Nell’articolo il documento integrale.

Continua a leggere

Il futuro del manifatturiero tra digitalizzazione e sostenibilità: l’analisi della World Manufacturing Foundation

Digitalizzazione e sostenibilità saranno le leve su cui puntare oggi e nei prossimi anni per lo sviluppo del manifatturiero. Il tema è al centro del piano strategico della World Manufacturing Foundation, associazione che organizza il World Manufacturing Forum, che quest’anno si terrà a Cernobbio l’11 e il 12 novembre

Continua a leggere

Bonomi: “Un patto tra politica, imprese e parti sociali per rilanciare il paese e la produttività”

Per Bonomi serve un nuovo Patto per Italia che coinvolga politica, imprenditori e parti sociali e si focalizzi sulla competitività del sistema Paese. Nell’elenco delle priorità il presidente di Confindustria mette al primo posto la ripresa di Industria 4.0. Il ministro Patuanelli conferma l’intenzione di prorogare e rafforzare il Piano, spiega che lo Stato deve essere il garante delle “tre dimensioni della sostenibilità” e annuncia un Piano straordinario per la formazione 4.0

Continua a leggere

Ecco perché la politica non deve scegliere i settori industriali su cui puntare

Alcuni opinionisti sostengono che, per non perdere l’opportunità offerta dal Recovery Fund, l’Italia dovrebbe imboccare la via della specializzazione, focalizzandosi sui settori nei quali ha maggiori chance di successo e abbandonando gli altri, come ad esempio la chimica di base. Ma scegliere dei settori su cui puntare potrebbe rivelarsi un azzardo. Secondo Luca Manuelli, presidente del Cluster Fabbrica Intelligente, e Marco Taisch, professore del Politecnico di Milano, bisognerebbe infatti puntare su tecnologie trasversali e sulle competenze…

Continua a leggere

Recovery Fund, il Ministero dello Sviluppo Economico chiede 60 miliardi per il piano Transizione 4.0

Dai 60 miliardi per la proroga e potenziamento del Piano Transizione 4.0 ai 5 miliardi per il nuovo credito di imposta per una produttività sostenibile; dai 25 miliardi per l’Aerospace ai 5 miliardi per la digitalizzazione dell’Agroalimentare: la lista dei “desideri” che il Ministero dello Sviluppo Economico ha presentato in vista del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza conta oltre 60 progetti per un valore che supera i 150 miliardi di euro. Eccoli nell’articolo.

Continua a leggere