BeanTech e Danieli Automation presentano Q3-Platform, la piattaforma di Industrial IoT e Advanced Analytics per il settore siderurgico

Abilitare lo sviluppo di prodotti e servizi dedicati alla gestione degli asset, al controllo dei consumi energetici e alla gestione ottimizzata del processo e della qualità nell’industria dell’acciaio, grazie alla raccolta e all’elaborazione dei dati: sono questi gli obiettivi di beanTech e Danieli Automation e della loro nuova piattaforma Q3- Platform.

Lo sviluppo della nuova Q3-Platform, la data platform verticale per il settore metals, porta avanti la partnership tra l’azienda friulana (specializzata in trasformazione digitale per le imprese) e il Gruppo Danieli, che opera nel campo dell’automazione del processo siderurgico.

La partnership tra le due aziende si basa su un progetto di manufacturing e business analytics iniziato nel 2006, che permette oggi l’analisi dei dati raccolti all’interno degli impianti siderurgici e vanta installazioni in oltre 100 impianti nel mondo.

Una piattaforma per la gestione smart degli impianti e la riduzione degli sprechi di energia

La Q3-Platform, oggi già integrata negli impianti del Gruppo Danieli, si inserisce nel panorama dell’industria siderurgica come un sistema che osserva in tempo reale i parametri di qualità ed energia, due requisiti sempre più stringenti nella produzione, sui cui non è più possibile fare affidamento con un controllo svolto saltuariamente.

Tra le funzionalità, la piattaforma permette di centralizzare in un solo punto il governo degli asset, unificando la visione d’insieme, e permette quindi di gestire in modo automatico la raccolta, l’analisi e la sintesi dei dati, tramite un portale web unificato.

Inoltre, consente ai middle manager, nel settore della manutenzione, qualità ed energia, di avere un tool specifico che semplifica il reperimento delle informazioni, offrendo un unico endpoint da cui estrarre i dati per le analisi, senza ricorrere a software ad hoc.

Le funzionalità della piattaforma consentono una rapida soluzione per la data ingestion e la data analysis, permettendo così al cliente di concentrare il proprio budget di spesa sulla implementazione di soluzioni verticali personalizzate per la gestione del proprio processo produttivo.

Il cruscotto direzionale che compone la piattaforma, appositamente sviluppato per le acciaierie, permette di individuare il centro di costo non a regime e indagare rapidamente sulle cause. Durante la produzione è possibile, inoltre, analizzare e confrontare i consumi appartenenti a ogni singolo tipo di acciaio fino a ogni singola colata, per determinare la tipologia di prodotto più conveniente e correlare i dati più significativi raccolti dai vari processi.

Il sistema, continuamente in evoluzione, permetterà inoltre un monitoraggio del consumo di elettricità e di altri vettori energetici, a riduzione dei costi operativi e il controllo, la gestione e l’ottimizzazione dei carichi all’interno dell’impianto, in vista anche degli obblighi di riduzione dei consumi e delle emissioni di CO2.

“Trasformare la mole di dati raccolti all’interno dell’impianto in informazioni utili e fruibili nel lungo periodo e rendere meno difficoltose sia le analisi più avanzate che quelle storiche, con un monitoraggio in tempo reale, era l’obiettivo di Danieli Automation per ridurre i costi negli stabilimenti, ottimizzando la produzione con una gestione più puntuale dei dati delle acciaierie in tutto il mondo”, commenta Marco Ometto, Executive Vice President at Danieli Automation S.p.A.

“Considerata la complessità e pericolosità del processo di trasformazione dei metalli, puntiamo a soluzioni che prevedano alte prestazioni nella massima affidabilità. Ed è per questo che il rilascio di ciascuna applicazione prevede lunghi periodi di test che assicurino la perfetta aderenza ai nostri standard”, aggiunge.

Controllo energetico e qualità: la Q3-Platform nel ciclo di produzione

La soluzione modulare per l’analisi e il controllo della qualità del materiale, basato sulla piattaforma, permette di supportare il processo decisionale all’interno di tutta la strategia di produzione.

La Q3-Platform è strutturata per raccogliere, analizzare ed elaborare i dati di processo e quelli di business, focalizzando l’attenzione sull’intero ciclo di produzione, partendo dall’acquisizione dell’ordine fino alla consegna, attraverso tutte le fasi di trasformazione della materia prima in prodotto finito.

Affiancata al know-how digitalizzato di Danieli, permette di automatizzare la classificazione dei prodotti e gestire la non conformità, rilevare e correggere tempestivamente i problemi qualitativi, in correlazione con quelli che sono i risultati di qualità e di impostazione di setup delle macchine e rendere più flessibile il processo se si ha la necessità di adattare il sistema anche a nuovi prodotti da sviluppare.

Un’altra delle sfide di beanTech, inoltre, era quella di rendere la piattaforma compatibile con infrastrutture IT/OT già presenti negli impianti e in alcuni casi anche obsolete. La Q3-Platform si integra anche con i sistemi meno recenti, permettendo la digitalizzazione e non rivoluzione del parco macchine esistente.

“Lo sviluppo di prodotti e servizi sulla nostra Data Platform è un processo reso possibile grazie all’elevata capacità di integrazione delle fonti dati presenti in acciaieria e alla successiva gestione di tutte le informazioni prodotte, utilizzando tecnologie innovative che permettono una perfetta tracciabilità del prodotto, un’affidabile e performante gestione dei dati in streaming e di quelli storici, la possibilità di utilizzare l’Intelligenza Artificiale e tecniche di Machine Learning”, spiega Denis Cappellari, Board Member di beanTech.

“Il potente motore algoritmico integrato è infatti uno dei moduli più importanti ed è in grado di operare anche su analisi di immagini o flussi video. Il nostro obiettivo, assieme a Danieli Automation, è quello di avere sotto controllo l’intera filiera del dato di un impianto siderurgico e di portare l’Intelligenza Artificiale nel settore dei metals”, aggiunge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.