I settori più digital sono telecomunicazioni e finanza: il Digital Acceleration Index di BCG

Il livello di digitalizzazione delle imprese varia in base al settore industriale e, a livello globale, i settori più avanzati dal punto di vista digitale sono le istituzioni finanziarie e le società di telecomunicazioni, mentre appare in ritardo il settore pubblico, con ampie differenze tra le diverse regioni. È quanto emerge dal Digital Acceleration Index (DAI), l’indicatore elaborato da BCG – Boston Consulting Group che misura la maturità digitale delle aziende.

Emerge anche un altro dato, cioè che i digital champions si distinguono soprattutto per priorità di investimento: le aziende più mature nel digitale sono anche quelle che si stanno dedicando di più allo sviluppo delle competenze digitali della forza lavoro e che investono maggiormente in nuove tecnologie.

Indice degli argomenti

I dati di BCG

L’indagine di BCG ha coinvolto manager e dirigenti di 1.800 imprese tra Asia, UE e Stati Uniti, ai quali è stato chiesto di valutare la maturità digitale delle loro società su una scala da 1 a 4 in 35 categorie differenti. Le aziende con un DAI da 67 a 100 sono campioni digitali, quelle con un punteggio di 43 o inferiore sono classificate come ritardatarie.

“Lo studio ha identificato tre booster a cui i più performanti si affidano per diventare più maturi digitalmente – dice Roberto Ventura, partner di BCG ed esperto digital e Artificial Intelligence –: spendono oltre il 5% dell’OPEX (spesa operativa) in progetti digitali, assegnano a ruoli e progetti digitali più del 10% dei propri dipendenti, sono più capaci di affinare e scalare progetti pilota in soluzioni operative”.

Il boom dell’Asia

Il settore finanziario asiatico raggiunge il punteggio più alto, con un DAI di circa 60. In Europa e Stati Uniti, invece, sono le TLC il settore leader. Fattore fondamentale per un buon punteggio è l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale: in Asia viene usata dall’87% delle imprese, contro il 78% dell’UE e il 74% degli Stati Uniti.

L’Asia entra nell’analisi per la prima volta. I digital champions asiatici sono leggermente in vantaggio rispetto agli statunitensi (54% vs 51%) per quanto riguarda il numero di dipendenti impegnati in ruoli digitali e in netto vantaggio rispetto agli europei (44%). Gli Usa invece primeggiano per quota di Opex investita in progetti digitali dai loro digital champions (90%), maggiore rispetto all’Asia (75%) e UE (65%).

Aggiunge Ventura: “Dallo studio emerge come ben tre campioni su quattro (77%) e solo il 43% dei ritardatari abbiano in previsione di aumentare la forza lavoro digitale di oltre il 20%”. In Europa, lo farà il 70% dei digital champions, meno di quelli dell’Asia (dove sono il 90%), ma più degli Stati Uniti (65%). Ma c’è anche un investimento interno: metà dei digital champions (51%) e solo il 29% dei ritardatari prevede di potenziare le capacità digitali di oltre il 20% del personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.