MADE IN ITALY

Macchine per calzature, pelletteria e conceria, export in crescita

Nel 2023 le esportazioni del settore delle macchine per calzature, pelletteria e conceria hanno fatto registrare una crescita del 3,66%, nonostante le difficoltà del secondo semestre. Negativo l’inizio del 2024. Maria Vittoria Brustia, Presidente di Assomac, chiede al Governo incentivi a sostegno della competitività del settore.

Pubblicato il 13 Giu 2024

footwear-1838767_1920

Le esportazioni registrati dai costruttori di macchine per calzature, pelletteria e conceria sono cresciute, nel 2023, del 3,66% considerando anche le macchine per sintetico, gli stampi e gli accessori. A renderlo noto è Assomac, l’associazione che rappresenta i costruttori italiani del comparto, che evidenzia come questi dati testimonino la resilienza del settore.

Il 2023 è stato caratterizzato da una buona progressione nel primo semestre e una frenata nel secondo, a causa dei conflitti internazionali e dell’indebolimento dello scenario economico globale.

Export trainato dalle macchine per conceria

Particolarmente rilevante è stata la performance delle macchine per conceria, con una crescita delle esportazioni del 12,76% rispetto al 2022. Questo risultato è attribuibile principalmente al buon andamento delle vendite in Europa, America e Africa.

In calo invece l’export delle macchine per calzature e pelletteria, che ha registrato una contrazione del 4,61% nonostante le buone performance in alcune aree come America e Oceania.

Anche le esportazioni dei ricambi hanno subito una flessione, scendendo del 4,02%.

Brustia: “Serve sostegno dalle istituzioni”

Se i dati del 2023 confermano la sostanziale tenuta di questo comparto cruciale per il Made in Italy, le prospettive per il 2024 non sembrano altrettanto promettenti: Assomac ha infatti registrato un calo delle esportazioni del 21,46% nei primi due mesi dell’anno in corso.

Maria Vittoria Brustia, Presidente di Assomac, ha sottolineato l’importanza di un sostegno concreto da parte delle istituzioni per mantenere la competitività del settore a livello internazionale. “In questo scenario complesso, il settore delle macchine per calzature, pelletteria e conceria dimostra ancora una volta la sua resilienza e il suo potenziale. Tuttavia, per continuare a brillare nel panorama internazionale, è fondamentale un sostegno concreto da parte delle istituzioni,” ha commentato Brustia.

La presidente ha inoltre evidenziato la necessità di rilanciare gli investimenti attraverso i decreti attuativi del piano Transizione 5.0 e di individuare misure con un orizzonte di lungo periodo: senza incentivi adeguati per il nuovo capitale materiale e immateriale – rileva Brustia – l’adozione di innovazioni digitali nei processi produttivi e la transizione energetica potrebbero rallentare, influenzando negativamente la crescita della produttività e la competitività delle imprese italiane sui mercati globali.

Valuta la qualità di questo articolo

Redazione

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e si è affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è una testata del Network Digital360 diretta da Franco Canna

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 3