Macchine utensili, un 2016 da incorniciare

Il valore della produzione del settore registrerà nel 2016 una crescita del 5%, portandosi a quota 5.480 milioni di euro. Grazie agli incentivi cresce la domanda interna. Ottime anche le previsioni per il 2017.

Pubblicato il 21 Dic 2016

trend

Il 2016 sarà un anno da ricordare per i costruttori italiani di macchine utensili. Secondo i dati di preconsuntivo resi noti da Ucimu – Sistemi per Produrre, il valore della produzione del settore registrerà quest’anno una crescita del 5% a quota 5.480 milioni di euro. Merito soprattutto della generale ripresa della domanda interna, che cresce complessivamente del 10,1% e arriva a quota 3.685 milioni, grazie anche agli incentivi governativi – superammortamento al 140% e Sabatini Ter in testa.

Particolarmente dinamiche le vendite dei costruttori italiani sul mercato domestico, cresciute del 20,5% a quota 2.205 milioni. Arretra invece l’export (-3,3%), che per la prima volta rappresenta meno del 60% del fatturato complessivo. In particolare sono andate male le vendite in Cina (-9,7%), USA (-9,1%), Russia (-60% per effetto dell’embargo) e Regno Unito (-33%, si inizia a sentire l’effetto Brexit). Bene invece Francia, Polonia, Messico e Spagna.

Nel 2017 si crescerà ancora

La crescita proseguirà anche nel 2017. Il valore della produzione è previsto in aumento del 4% (5.700 milioni di euro). Il consumo interno si svilupperà ulteriormente (+6,9%) grazie agli incentivi previsti nella legge di stabilità, ma tornerà a crescere anche l’export (previsto a +1,7%). In particolare torneranno a correre le vendite verso gli Stati Uniti (in calo del 9,1% nel 2016) sia per il nuovo clima post elettorale, sia per il deprezzamento relativo dell’euro sul dollaro.

“La conferma del superammortamento al 140%, che consentirà di ammodernare il parco macchine, e l’iperammortamento al 250% per le aziende che sceglieranno la via della digitalizzazione e dell’interconnessione della produzione rappresentano una grande opportunità per le aziende”, ha sottolineato Massimo Carboniero, presidente di Ucimu.

Massimo Carboniero, Presidente di Ucimu – Sistemi per Produrre

Valuta la qualità di questo articolo

Franco Canna
Franco Canna

Fondatore e direttore responsabile di Innovation Post. Grande appassionato di tecnologia, laureato in Economia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5