Food & Beverage, Dylog Hitech acquisisce Parmacontrols

La Dylog Hitech di Torino, spin-off del gruppo Dylog Italia SpA, ha assunto il controllo del 100% della società Parmacontrols, espandendo la propria presenza mondiale nell’ispezione a raggi X per il settore alimentare.

Pubblicato il 29 Ott 2021

Gli-Ad-di-Dyloghitech-e-di-Parmacontrol-Marco-Pipino-e-Emilio-Chiesi

La Dylog Hitech di Torino, spin-off del gruppo Dylog Italia SpA, un gruppo completamente italiano che fattura circa 300 milioni di euro globalmente, ha recentemente assunto il controllo del 100% della società Parmacontrols.

Con questa operazione l’azienda piemontese punta a espandere le proprie competenze nel settore Food & Beverage.

In particolare, l’obiettivo di questo progetto è il rafforzamento ed il completamento della gamma prodotti già esistente e basata sui controlli a raggi X per il settore alimentare, macchine già esportate in almeno 60 Paesi esteri, con una serie di ispettori dedicati al beverage ed un’altra agli strumenti da laboratorio.

Il binomio Dylog-Parmacontrols pone queste compagine in una posizione di forza nel mercato mondiale dei controlli per il Food & Beverage, con un portfolio di prodotti completo, integrato ed assolutamente flessibile per aderire alle diverse esigenze di un mercato estremamente variegato.

La mission aziendale rimane quella del mantenimento nel tempo della soddisfazione dei clienti, attraverso la fornitura di soluzioni all’avanguardia tecnologica nei diversi aspetti applicativi della Food Safety e della Assicurazione Qualità.

“Attraverso questa operazione ed innestando nel nostro core business un marchio storico molto conosciuto e quindi nuove direttrici di sviluppo, puntiamo a rafforzare la nostra presenza nel campo delle ispezioni per il settore alimentare e delle bevande, un settore in questo momento in pieno fermento e dunque suscettibile di una rapida crescita, che è nostra intenzione agganciare con un rinnovato ed accresciuto portfolio prodotti”, commenta Marco Pipino, General Manager di Dylog Hitech.

“In un mercato globalizzato come l’attuale una pur brillante piccola azienda da sola non poteva competere  adeguatamente, per cui la fusione con Dylog significa consolidare il lavoro fatto sin qui facendo confluire la nostra lunga esperienza nel settore controlli in una struttura aziendale di alto profilo tecnico, che ci permetterà di avere la consistenza necessaria per guadagnare sempre nuove quote di mercato, soprattutto sui mercati esteri”, aggiunge Emilio Chiesi, fondatore di Parmacontrols, che rimarrà al timone dell’azienda come Amministratore Delegato.

Oltre alla sede di Corso Bramante 53 a Torino, le attività dell’azienda saranno ora svolte anche presso la sede di Parma in Via Mantova 79/a.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5