Wenglor presenta nuovi sensori induttivi per riconoscere oggetti metallici senza contatto

Resistenza a temperature estreme, grande flessibilità grazie ai nuovi cavi e ai connettori push-pull, durata media del prodotto maggiore di 5 anni, connettore M12 con centralina di analisi integrata: sono queste, tra le altre, le caratteristiche principali dei nuovi sensori induttivi INTT di wenglor

Pubblicato il 05 Apr 2022

unnamed (3)

La nuova serie di sensori induttivi INTT sviluppata da wenglor sensoric group, azienda tedesca che sviluppa e produce sensori intelligenti, dispositivi di sicurezza e sistemi avanzati di elaborazione di immagini, permette di riconoscere oggetti metallici senza contatto in ambienti con temperature che possono raggiungere i 250°C.

I sensori vengono impiegati soprattutto nei forni di essiccazione dell’industria automobilistica o per il posizionamento preciso dei skid-carrier. I sensori induttivi sono adatti anche per l’estrusione di profili in alluminio, per il riconoscimento di supporti merce nell’industria siderurgica o per il rilevamento di piastre da forno in panifici di grandi dimensioni.

Le caratteristiche principali di questi sensori induttivi includono la lunga durata di oltre cinque anni, l’ampia fascia di temperatura compresa tra –10 °C e +250 °C e le grandi distanze di commutazione tra 15 mm e 40 mm. La serie INTT senza PWIS può essere parametrizzata tramite un’interfaccia IO-Link. Grazie alla tecnologia weproTec integrata, è possibile installare più sensori uno accanto all’altro in spazi ristretti, senza che questi si influenzino reciprocamente.

I nuovi dispositivi sono pensati per offrire maggiori performance, soprattutto per applicazioni dinamiche in ambienti ad elevate temperature. I costruttori di macchine e impianti hanno ora a disposizione sensori con cavi flessibili e semplici connettori push-pull, che rendono le teste a innesto di questi dispositivi facilmente intercambiabili. Inoltre, la centralina di analisi si trova direttamente all’interno del connettore M12. Si tratta di una caratteristica innovativa che offre un grande valore aggiunto.

Grazie alle nuove ed innovative caratteristiche, la sostituzione – quando si renderà necessaria – avverrà in modo semplice e con un solo veloce passaggio, anche in ambienti estremamente caldi: basterà staccare il cavo flessibile dal sensore grazie al connettore push-pull, utilizzando semplici guanti ignifughi. Il vantaggio per gli utilizzatori è evidente: gli impianti – esempio forni di essiccazione – non devono essere spenti per sostituire i sensori, perché la procedura può essere effettuata durante il funzionamento, utilizzando, ovviamente, i dispositivi di protezione adeguati.

Cavi flessibili per applicazioni dinamiche

Un ulteriore vantaggio è dato dall’ampliamento della gamma di cavi, che ora comprende anche un’opzione per applicazioni dinamiche. Nonostante le elevate temperature degli ambienti in cui possono essere impiegati (fino a 250 °C), i nuovi cavi possono essere piegati in modo flessibile e sono quindi ideali per applicazioni dinamiche su piattaforme di sollevamento o sistemi di sollevamento con skid carrier.

“I nuovi cavi hanno anche una vita media dieci volte superiore rispetto ai loro predecessori nelle applicazioni dinamiche. Ciò li rende estremamente affidabili e duraturi”, spiega Elio Bolsi, General Manager di wenglor sensoric italiana. La centralina di analisi dei sensori non è integrata in una custodia esterna, ma si trova direttamente nel connettore grazie alla sua estrema compattezza e il suo formato ridotto. In questo modo si risparmiano ulteriori interventi di installazione e quindi costi aggiuntivi. “Questo non solo rende la nuova serie INTT più flessibile nelle sue possibili applicazioni, ma anche più semplice in termini di manutenzione e funzionamento”, conclude Bolsi.

Caratteristiche consolidate della gamma INTT

Panoramica delle caratteristiche principali:

  • Fascia di temperatura da –10 °C a +250 °C
  • Vita media del prodotto superiore a 5 anni
  • Distanze di commutazione da 15 mm a 40 mm
  • Connettore M12 con centralina di analisi integrata
  • Cavo flessibile per applicazioni dinamiche
  • IO-Link 1.1
  • Testa del sensore intercambiabile
  • Senza PWIS

Valuta la qualità di questo articolo

Redazione

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e si è affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è una testata del Network Digital360 diretta da Franco Canna

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 4