Wenglor 2K PNG//smart, nuovo sensore robusto, miniaturizzato e smart per la misura in linea delle distanze

Sono la scelta ideale per applicazioni in settori industriali particolarmente difficili ed impegnativi, i nuovi sensori della serie PNG//smart di wenglor, azienda tedesca che sviluppa e produce sensori intelligenti, dispositivi di sicurezza e sistemi avanzati di elaborazione di immagini. Alle funzionalità della gamma optoelettronica PNG//smart, i sensori di tipo 2K associano la robustezza dell’acciao inox V4A. Dotati di questo nuovissimo e robusto rivestimento, i PNG//smart 2K sono in grado di garantire precisione estrema nel misurare le distanze, riconoscere oggetti e comunicare in modo intelligente tramite IO-Link. La forma miniaturizzata, facilmente integrabile in ogni impianto, è disponibile in sei principi di funzionamento e in tre diversi tipi di luce.

Nell’industria alimentare e del packaging gli impianti di produzione devono resistere a lavaggi regolari ad alta pressione e con detergenti aggressivi, va da sé che anche tutti i dispositivi presenti sulla linea, devono rispondere a questi rigorosi requisiti di robustezza. La nuova serie 2K con custodia in acciaio inox V4A (1.4404/316L) grazie all’elevato grado di protezione IP69K e al certificato Ecolab risulta essere ideale per rispondere a tali esigenze.

“Grazie al rivestimento in acciao inox, i sensori 2K resistono a pulizie intensive ad alta pressione fino a 100 bar, a temperature fino a 80 °C, a detergenti aggressivi, refrigeranti e lubrificanti”, afferma Elio Bolsi, Managing Director di wenglor sensoric italiana. “Urti, colpi, corrosione e altre sollecitazioni meccaniche non hanno alcun effetto su questo sensore estremamente solido”, continua. “È quindi ideale per le applicazioni nei settori heavy duty.” Oltre alla particolare resistenza, la custodia è miniaturizzata (35,5 × 18,5 × 17 mm) e ciò rende questi sensori optoelettronici adatti a installazioni in piccoli spazi.

Esterno robusto, interno intelligente

I sensori 2K oltre che per la loro grande resistenza, convincono anche per le loro caratteristiche di intelligenza: un punto di commutazione calibrato e un asse ottico allineato garantiscono prestazioni optoelettroniche precise e una facile integrazione, regolazione e messa in servizio.

Grazie alla classe laser 1, sicura per l’occhio umano, i piccoli sensori sono adatti anche per parti mobili dell’impianto come, ad esempio, i bracci robotici. L’interfaccia IO-Link integrata consente inoltre la comunicazione intelligente e l’immediata configurazione che avviene premendo semplicemente un tasto. “Questa funzionalità abilita il Condition Monitoring e il data storage e quindi facilita la manutenzione”, continua Bolsi. “La combinazione di prestazioni optoelettroniche impressionanti, la comunicazione intelligente e la robustezza rendono la serie 2K un prodotto adatto a qualsiasi settore”.

Il giusto sensore per ogni applicazione

Il formato 2K miniaturizzato è disponibile in ben sei principi di funzionamento: tasteggio diretto energetico, tasteggio diretto con soppressione dello sfondo, barriere catarifrangenti universali, barriere catarifrangenti per oggetti trasparenti, barriere unidirezionali e sensori di distanza laser long range sono disponibili da subito con custodia V4A. Complessivamente sono disponibili tre tipi di luce: luce rossa, luce blu e luce laser. Grazie a queste numerose opportunità di combinazione, è possibile scegliere il sensore giusto per ogni tipo di applicazione. “Indipendentemente dall’ambiente industriale, dal colore dell’oggetto e dalle caratteristiche della superficie, i sensori 2K sono adatti a qualsiasi compito per il riconoscimento dell’oggetto senza contatto”.

Principali caratteristiche:

  • Robusta custodia in acciaio inox V4A (1.4404/316L)
  • Robusta custodia miniaturizzata 2K 35,5 × 18,5 × 17 mm
  • Grado di protezione IP69K
  • Certificato Ecolab
  • Resistente ai lavaggi ad alta pressione fino a 100 bar e temperatura dell’acqua di 80 °C
  • Marcatura laser indistruttibile per una visibilità duratura
  • Asse ottico allineato e punto di commutazione calibrato
  • IO-Link 1.1 (Condition Monitoring)
  • Potenziometro o teach-in
  • Display a Led luminosi visibili a 360°
  • Fissaggio flessibile tramite asola
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.