Bosch Rexroth mette nel mirino la robotica collaborativa e acquisisce Kassow Robots

Dr. Marc Wucherer (sinistra) membro dell’Executive Board di Bosch Rexroth e Kristian Kassow, managing director e co-proprietario di Kassow Robots, che hanno firmato l‘accordo a Copenaghen

Bosch Rexroth acquisirà una quota di maggioranza di Kassow Robots ApS, azienda con sede a Copenaghen (Danimarca) che sviluppa e produce robot collaborativi per applicazioni industriali con circa 25 dipendenti che operano nei siti di Copenaghen e Praga (Repubblica Ceca).

Le due aziende hanno siglato un accordo il 18 marzo 2022, concordando di mantenere riservato il prezzo di acquisto. L’operazione è soggetta all’approvazione dell’Antitrust.

Con questa operazione Bosch Rexroth intende ampliare il proprio portafoglio di soluzioni per la Fabbrica del Futuro. “I robot industriali collaborativi sono un altro importante elemento costitutivo della versatile Fabbrica del futuro”, ha affermato Marc Wucherer, membro del consiglio di amministrazione di Bosch Rexroth che sovrintende alle vendite e all’automazione di fabbrica.

I cobot di Kassow: 7 assi e carichi utili fino a 18 kg

I robot leggeri di Kassow Robots possono essere utilizzati in diversi ambiti nella produzione industriale. I cobot hanno un carico utile e una portata elevati (fino a 18 kg) e possono essere utilizzati negli spazi più ristretti grazie alla flessibilità garantita dalla struttura a sette assi.

“C’è un’enorme richiesta di sistemi robotici flessibili. Nei prossimi anni si prevede che il mercato dei cobot crescerà del 15-20% ogni anno. Vogliamo sfruttare questo potenziale ed espandere il nostro portafoglio con i robot collaborativi di Kassow Robots. Ciò andrà a vantaggio in particolare dei nostri clienti nel settore dei beni di consumo e della mobilità, inclusa la produzione di batterie, nonché nella produzione di semiconduttori”, ha affermato Wucherer.

“Con Bosch Rexroth abbiamo trovato un partner che è un leader internazionale nell’automazione di fabbrica e che può aiutarci a espandere le nostre attività commerciali. Questo ci consentirà di aprire nuovi mercati per il nostro portafoglio di cobot”, ha spiegato Kristian Kassow, fondatore, amministratore delegato e comproprietario dell’azienda.

Dall’inizio delle vendite dei primi due modelli di cobot nel 2019, la gamma di prodotti dell’azienda è cresciuta fino a cinque modelli di robot collaborativi. Questi offrono un raggio d’azione da 850 a 1800 mm, carichi utili da 5 a 18 kg e possono raggiungere velocità angolari fino a 225 gradi al secondo. Tutti i modelli hanno sette assi e tool che ne semplificano la programmazione e l’utilizzo. Il software fornisce una piattaforma modulare che consente una facile integrazione di periferiche come pinze, sistemi di visione o altre funzionalità personalizzate.

Grazie alla combinazione di raggio d’azione e carico utile, i cobot possono eseguire un’ampia gamma di attività: dall’imballaggio, al carico della macchina, e dalle applicazioni pick-and-place al controllo visivo della qualità. Rispetto ai robot industriali più piccoli, i costi di integrazione sono molto inferiori. La sicurezza intrinseca e la massa ridotta dei cobot richiedono uno sforzo minore per renderli sicuri. Kassow Robots commercializza cobot dal 2019 e ha all’attivo circa un migliaio di applicazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Innovation Post

Innovation Post è un portale di informazione e approfondimento dedicato alle politiche e alle tecnologie per l'innovazione nel settore manifatturiero. Il portale è nato alla fine di settembre 2016 e si è affermato come riferimento d’elezione per chi vuole informarsi su industria 4.0, automazione, meccatronica, Industrial IT, Cyber security industriale, ricerca e formazione, domotica e building automation. Innovation Post è una testata del Network Digital360 diretta da Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.