Entro il mese di luglio il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) pubblicherà un bando che metterà a disposizione della ricerca una cifra che, complessivamente, raggiungerà i 500 milioni di euro: 250 milioni per finanziare progetti di ricerca nelle aree coperte dai 12 cluster tecnologici (aerospazio, agrifood, chimica verde, fabbrica intelligente, mobilità e trasporti, salute, smart communities, tecnologie per gli ambienti di vita, blue growth, design creatività made in Italy, energia, cultural heritage) e 250 per assumere ricercatori all’Università. Sono somme diverse da quelle che furono date nel primo annuncio relativo a questo progetto – lo scorso ottobre – quando si parlava di 350 milioni per la sola parte di ricerca industriale.

AGGIORNAMENTO – Il bando è stato pubblicato il 13 luglio ed è disponibile qui

Precedenza a Industria 4.0

Come dicevamo il denaro che sarà messo a disposizione della ricerca sarà diviso in due parti: 250 milioni per progetti di ricerca industriale che coinvolgono imprese, università e centri di ricerca nello sviluppo delle nuove tecnologie. Altri 250 milioni di euro serviranno invece a finanziare l’assunzione di nuovi ricercatori e progetti di ricerca interesse nazionale destinati agli atenei.

Le somme a disposizione dei Cluster saranno a loro volta suddivise in due metà: il 50% sarà riservato a tutte le aree, mentre l’altro 50% sarà riservato esclusivamente a industria 4.0, salute, alimentazione e aerospazio.

Le risorse andranno a progetti di ricerca che sono aperti sia a partner pubblici che privati, fino ad un massimo di dieci partecipanti in totale per ciascuno di essi. Ogni progetto potrà ricevere un contributo compreso tra 1 e 5 milioni di euro.


Il Ministero inoltre prevederà “azioni prioritarie” per il sostegno alla ricerca e innovazione nel Mezzogiorno, ponendo in sinergia Programma Operativo Nazionale, Programmi Operativi Regionali e risorse ordinarie.

Che cosa sono i cluster

Il sistema dei Cluster tecnologici nazionali è una componente del Programma nazionale per la ricerca. Istituiti nel 2012 (inizialmente erano otto) con il compito di presidiare i principali ambiti tecnologici e applicativi sui quali il Governo intende concentrare gli sforzi di politica industriale, i cluster sono aggregazioni di imprese, università, istituzioni di ricerca pubbliche e private e altri soggetti nel campo dell’innovazione che devono contribuire a definire le priorità e le tematiche sulle quali attivare dei bandi di finanziamento per progetti di ricerca.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 1059 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

2 pensieri riguardo “In arrivo 500 milioni per la ricerca, precedenza a Industria 4.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest