Nella locomotiva del Nord Est quasi un’azienda su due ha utilizzato – o intende farlo – gli incentivi previsti dal Piano Nazionale Industria 4.0. Una buona notizia che però nasconde una realtà meno rosea: solo il 15% infatti ha già approfittato dell’opportunità e quasi il 54% delle imprese non lo ha fatto né intende farlo. Dato ancora più sorprendente: un’azienda su cinque non conosce gli incentivi.

Sono le cifre principali contenute nell’Opinion Panel realizzato da Fondazione Nord Est su un campione di 619 imprenditori e manager del Veneto, del Friuli Venezia Giulia e del Trentino Alto Adige, interpellati nel corso del mese di giugno 2017 su alcune questioni di attualità sociale ed economica.

I dati

Torniamo ai dati: il 15,3% delle imprese del Nord Est ha approfittato degli incentivi previsti dal piano Industria 4.0, mentre il 31% intende farlo entro la scadenza. Se si considerano le imprese con più di 50 addetti le percentuali salgono al 24,1% (imprese che hanno già approfittato) e 37,9% (imprese che ne approfitteranno).

La scelta di non investire

Ecco le motivazioni più ricorrenti che ha spinto le imprese del Nord Est a non utilizzare le misure previste dal piano industria 4.0:

  • Per quasi il 39% degli intervistati vengono incentivate tecnologie che non risultano interessanti per l’azienda.
  • Quasi un quinto delle imprese (19%) dichiara di non essere a conoscenza degli incentivi.
  • Il 16,3% non ha investimenti in programma a causa delle capacità produttiva già inutilizzata.
  • Il 15,4% non ha i mezzi finanziari per affrontare gli investimenti.
  • L’11,4% dichiara che la legge è troppo complicata.
  • L’11,1 che ha già fatto investimenti “4.0” in passato.

Se la prima motivazione pare comprensibile alla luce del  fatto che lo strumento dell’iperammortamento è fondamentalmente pensato per le aziende del comparto manifatturiero, sorprende invece il dato sulla non conoscenza degli incentivi: secondo i dati dell’Osservatorio Industria 4.0 del Politecnico di Milano solo il 16% delle imprese italiane a fine 2016 non conosceva le misure del piano. Davvero curioso che in un territorio a marcata vocazione manifatturiera il dato sia – a giugno – del 19%, considerato anche che nei primi sei mesi del 2017 non c’è stato giorno che radio e giornali (non solo specializzati) abbiano parlato di questo tema.

Le scelte di chi ha investito

L’iperammortamento è la modalità di gran lunga più scelta dalle imprese che hanno già effettuato investimenti o che lo intendono fare a breve. Il 72,1% delle imprese ha utilizzato tale strumento (79,6% tra le imprese con più di 50 addetti). La “Nuova Sabatini” è stata utilizzata dal 46% delle imprese, 49,4% tra quelle di dimensioni minori. Il credito d’imposta sugli investimenti in Ricerca e Sviluppo (R&S) ha incontrato i favori del 38% delle aziende nordestine e risulta particolarmente utilizzato tra le imprese con più di 50 addetti (57,4%). Tra le altre misure seguono il “Patent Box”, 8,4% ma 24,1% tra le grandi e le misure per start up e PMI innovative (3,1%).

Robot, additive manufacturing e simulazione

In che tipo di tecnologie hanno investito le imprese? Il 35,3% delle imprese del Nord Est che ha utilizzato lo strumento dell’iperammortamento ha investito in robot, il 26,6% in stampanti 3D per l’additive manufacturing, il 22,7% in sistemi di simulazione tra macchine interconnesse per ottimizzare i processi.

Competence center e risorse umane

Rispetto all’iniziativa condotta dalle Università del Nord Est di associarsi per costituire un competence center il 41,4% delle imprese dichiara di non esserne a conoscenza mentre il 36,4 lo considera un comportamento condivisibile. L’8,4% delle imprese la considera un’attività tardiva, che andava fatta prima.

Gli imprenditori e i manager del Nord Est valutano importante (72,6%) se non decisiva (11,8%, 18,6% tra le imprese di dimensioni maggiori) la riqualificazione dei lavoratori in chiave “industria 4.0”.

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 801 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest