Industry 4.0 Design Magazine è una pubblicazione di Quine Business Publishers. L’editoriale del numero di Maggio 2018 di Industry 4.0 Design Magazine, firmato da Franco Canna, si intitola AI, cobot e additive: ecco come cambia l’industria manifatturiera. Ve lo riportiamo qui di seguito.

AI, cobot e additive: ecco come cambia l’industria manifatturiera

L’intelligenza artificiale sarà il futuro del settore manifatturiero, ma cobot e additive manufacturing sono già una solida realtà

di Franco Canna


Le indicazioni emerse nel corso dell’edizione 2018 della Hannover Messe, la fiera internazionale delle tecnologie per l’industria e dell’energia, sono chiare: la parola chiave della manifattura del futuro è “intelligenza artificiale”, ma ci sono altre tecnologie che, già oggi, dimostrano di aver raggiunto la maturità e di essere pronte a fare il pieno di consensi in fabbrica. Stiamo parlando della robotica collaborativa e dell’additive manufacturing.

Secondo una recentissima indagine di Gartner nel 2018 il valore delle attività direttamente collegate all’Intelligenza Artificiale sarà di ben 1.300 miliardi di dollari e crescerà fino a sfiorare i 4 mila miliardi nel 2022. La Francia ha messo in cantiere ingenti investimenti in questo ambito e l’Unione Europea si prepara a fare altrettanto. Visitando la Hannover Messe, però, ci siamo chiesti che cosa potrà concretamente fare l’AI per le imprese manifatturiere. Alcune interessanti risposte le abbiamo trovate agli stand di Siemens e di Omron.

Nella sezione dedicata a “The Future of Automation” Siemens ha sistemato uno accanto all’altro due cobot Kuka che collaboravano per manipolare al meglio dei moduli da innestare su una guida DIN. Un’applicazione apparentemente banale, ma la sorpresa sta nel fatto che i due robot non erano stati programmati. Sotto il “cofano” un modulo AI di Siemens (che potrebbe essere presentato a novembre a Norimberga) si occupava di decidere, partendo dai modelli CAD dei moduli da movimentare, non soltanto se passare il modulo da un braccio all’altro per ottenere il giusto orientamento prima di fissare il modulo alla barra, ma anche con quale angolo posizionarlo sulla guida in modo che fosse perfettamente inserito.
Allo stand Omron, invece, una demo mostrava un sistema di riempimento in giostra di cartoni di latte: l’istallazione permetteva al visitatore di mettere in “crisi” il sistema variando la tensione della catena o simulando altre situazioni critiche. Il controllore dell’applicazione, dotato di intelligenza artificiale, appena rilevate le anomalie fermava l’operazione di riempimento per riprenderla istantaneamente appena l’anomalia rientrava.

Queste demo permettono di capire a che cosa serve l’AI in produzione: ad arrivare laddove la semplice programmazione non può, cioè a gestire l’imprevedibile evoluzione del mondo reale. Ricevendo in “pasto” dei dati, il sistema “intelligente” crea un pattern rispetto al quale valuta in assoluta autonomia la rilevanza degli scostamenti. Più tempo passa, più esperienza accumula, più “cresce l’intelligenza”.

In attesa degli sviluppi commerciali delle applicazioni di intelligenza artificiale in questo numero racconteremo invece perché la robotica, soprattutto quella collaborativa, e l’additive manufacturing sono tecnologie ormai mature, in grado di aiutare le aziende – anche le PMI – a migliorare l’organizzazione della fabbrica.

Lo sfogliabile

I contenuti – Sommario

Sul numero di maggio 2018 di Industry 4.0 Design Magazine abbiamo pubblicato i seguenti articoli

EDITORIALE

6 – AI, cobot e additive: ecco come cambia l’industria manifatturiera – Franco Canna

ADDITIVE MANUFACTURING

8 – Tutto quello che c’è da sapere sulla manifattura additiva – Enrico Annacondia

14 – Stampa 3D per la produzione di serie fino a 100 mila unità – Fabrizio Cerignale

18 – Le tecnologie additive al servizio dell’oleodinamica – Giuseppe De Palma

22 – Roboze vince la sfida: da startup a eccellenza nella stampa 3D – Fabrizio Cerignale

24 – Progettazione e simulazione per la manifattura additiva – Nicola Gramegna e Fabio Rossetti

ROBOTICA

28 – Tutti i perché della robotica collaborativa – Franco Canna

34 – Kuka semplifica il cobot: nasce LBR IISY – Renzo Zonin

36 – Collaborazione e integrazione: la nuova robotica di Mitsubishi Electric nell’era 4.0 – Marco Filippis

40 – Saldature veloci grazie a quattro isole robotizzate – Giuseppe De Palma

44 – La Porsche 911 in vetrina grazie ai robot ABB – Giuseppe De Palma

ROBOTICA & AUTOMAZIONE

46 – Anche l’assemblaggio diventa flessibile – Giuseppe De Palma

VISIONE

50 – Controllo di precisione di un robot – Serena Monti

EVENTI

52 – A SPS Italia arriva il “saper fare” 4.0 – Ambra Fredella

AUGMENTED REALITY

54 – Realtà aumentata e grafica 3d nella supervisione – Mauro Brandoli

56 – Notizie dalle aziende – a cura della redazione

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 874 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

2 pensieri riguardo “Industry 4.0 Design Magazine – 2 – Maggio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest