Stefano Firpo

Dovrebbe concludersi entro la fine del prossimo mese il percorso per la creazione dei Competence Center, gli otto centri di eccellenza per industria 4.0 che diventeranno il traino dello sviluppo innovativo dell’industria italiana. Un tema strategico che è stato al centro della giornata di oggi a Automation & Testing, la fiera dedicata a industria 4.0,  in corso di svolgimento a Torino. 

Nella città della Mole, che ospiterà una delle sedi dei centri, si è tenuto, infatti, la prima tappa del Roadshow Nazionale dei Competence Center: un momento di analisi delle proiezioni future, alla luce delle linee di indirizzo date dal Governo, ma anche di sintesi nel corso del quale sono state portate, anche le prime testimonianze reali e concrete delle imprese che, con il supporto dei Competence Center, hanno investito in 4.0. 

Oltre 400 imprese e 50 università coinvolte

“C’è un’ottima collaborazione tra università e imprese – ha sottolineato il direttore generale del Mise, Stefano Firpo – e tutti gli otto competence Center hanno coinvolto nei partenariati circa 400 imprese. Abbiamo oltre 50 università coinvolte e questo è finalmente un esempio di collaborazione sul fronte università e imprese che in Italia mancava”.


Entro marzo si chiuderà il percorso per l’erogazione dei decreti

Il percorso, quindi, si sta avviando verso le fasi finali che porteranno alla costituzione degli 8 centri italiani. “Abbiamo ancora due competence Center di cui attendiamo la costituzione – prosegue Firpo – e penso che, raccolta la documentazione antimafia, possiamo pubblicare i decreti di concessione. Credo che questo sia possibile già entro la fine di marzo”.

La formazione per le Pmi al centro 

Tra i punti principali dei centri di competenza, ovviamente, anche la formazione, tema che, in questi giorni, è stato al centro di qualche critica da parte dell’Ocse. “Nella mission dei competence Center c’è anche la Formazione 4.0 – prosegue Firpo – e queste realtà saranno  chiamate a fornire servizi di formazione alle imprese, in particolare a quelle medie e piccole”. 

Firpo, comunque, risponde anche ricordando quanto è stato fatto dal Governo. “Sul tema della formazione – spiega – rimane molto da fare,  ma voglio ricordare che in legge di bilancio è stato comunque stato erogato il credito di imposta alla formazione. A questo si aggiunge un investimento importante sugli ITS, gli sitituti tecnici superiori. Bisogna continuare su questa strada e investire nella formazione perché dobbiamo aiutare, soprattutto le piccole e medie imprese, a trovare le competenze adeguate e a potervi investire”.

 

Fabrizio Cerignale

Giornalista professionista, con in tasca un vecchio diploma da perito elettronico. Free lance e mobile journalist per vocazione, collabora da oltre trent’anni con agenzie di stampa e quotidiani, televisioni e siti web, realizzando, articoli, video, reportage fotografici. Giornalista generalista ma con una grande passione per la tecnologia a 360 gradi, da quella quotidiana, che aiuta a vivere meglio, alla robotica all’automazione.

Fabrizio Cerignale ha 239 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Fabrizio Cerignale

Un pensiero riguardo “Competence Center, Firpo “Entro marzo i decreti di concessione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest