Robot che costruiscono robot: ABB posa la prima pietra del nuovo stabilimento a Shanghai

ABB ha annunciato oggi di aver avviato la costruzione del suo nuovo stabilimento di produzione e ricerca di robotica in Cina che rappresenta il più grande mercato del mondo di questo settore. L’apertura dello stabilimento è attesa per il 2021 e costituisce un investimento complessivo di 150 milioni di dollari USA (1,1 miliardi di RMB).

Il nuovo stabilimento ABB

Il nuovo stabilimento di 67.000 m2 a Kangqiao, vicino a Shanghai, adotterà i più recenti processi produttivi, tra cui machine learning, soluzioni digitali e collaborative. Sarà la fabbrica più avanzata, automatizzata e flessibile nel settore della robotica in tutto il mondo, un centro in cui i robot producono robot. Il nuovo stabilimento ospiterà anche un centro di ricerca e sviluppo in loco che contribuirà ad accelerare le innovazioni nel campo dell’intelligenza artificiale. Il centro fungerà da hub di innovazione aperto nel quale ABB collaborerà strettamente con i suoi clienti per co-sviluppare soluzioni di automazione su misura per le loro esigenze individuali.

Le soluzioni di robotica di ABB servono una vasta base di clienti in Asia, supportando i produttori automobilistici, in particolare nella mobilità elettrica, nonché tra molti altri i produttori di elettronica, food and beverage, prodotti farmaceutici, automazione nella logistica e il settore industriale in generale. ABB prevede che le vendite globali di robot cresceranno dagli attuali 80 miliardi di dollari a 130 miliardi di dollari nel 2025. La Cina è il più grande mercato robotico del mondo; uno su tre robot venduti in tutto il mondo nel 2017 è andato in Cina.

Gli obiettivi

Peter Voser, Presidente e CEO di ABB, ha dichiarato: “Il nuovo stabilimento è un’altra pietra miliare nello sviluppo di ABB in Cina e rafforzerà ulteriormente la nostra leadership nel più grande mercato robotico del mondo. Dall’annuncio del progetto lo scorso ottobre, abbiamo ricevuto un enorme sostegno da parte del governo locale. Il progetto è stato elencato tra i primi 10 nel quadro dell’iniziativa Manufacturing in Shanghai del 2019, un grande onore per ABB”.

I funzionari cinesi locali, i clienti ABB e i dirigenti senior di ABB hanno preso parte allo straordinario evento di oggi.


Digital Factory of the Future

La produzione nella fabbrica altamente automatizzata si baserà su celle di automazione piuttosto che su una linea di assemblaggio fissa, che consentirà ai robot di spostarsi da una stazione all’altra per assicurare una maggiore personalizzazione e una maggiore flessibilità rispetto ai tradizionali sistemi di produzione lineari. I veicoli a guida automatica (AGV) consegneranno le varie parti ai robot di produzione per la lavorazione al momento opportuno mentre le ultime tecnologie collaborative garantiranno che uomini e robot lavorino fianco a fianco in sicurezza, offrendo maggiore flessibilità e agilità ai processi di produzione e combinando i vantaggi dei robot con le capacità uniche delle persone.

La fabbrica sarà un ecosistema di produzione digitale completo, che impiegherà un digital twin che fornirà a chiunque, da manager e ingegneri a operatori e a team di manutenzione, informazioni su dati e capacità di apprendimento automatico per migliorare le prestazioni e massimizzare la produttività. ABB utilizzerà un sistema basato sull’apprendimento automatico per ispezionare i robot mentre vengono assemblati al fine di garantire i più elevati standard di qualità.

“In qualità di leader di mercato nella robotica industriale in Cina, siamo orgogliosi di supportare l’industria cinese nel rafforzare il suo settore manifatturiero. Nonostante le sfide del mercato a breve termine, lo sviluppo della Cina come hub di produzione globale, la tendenza in corso verso la personalizzazione di massa e una crescente carenza di manodopera specializzata continueranno a creare una domanda forte e duratura di soluzioni di automazione nella regione -, ha affermato Sami Atiya, President del business Robotics and Discrete Automation di ABB -. Negli anni a venire, stimiamo che l’ampiezza e la profondità del nostro portafoglio saranno quasi raddoppiate. Ciò significa che abbiamo bisogno di una fabbrica in grado di produrre una maggiore varietà di robot e di ridimensionare i volumi in modo efficiente per adattarsi alle mutevoli condizioni del mercato e alle tendenze tecnologiche”, ha aggiunto Atiya.

La rete di ABB

ABB Robotics ha tre stabilimenti in tutto il mondo: il nuovo stabilimento di Shanghai, che sostituirà quello già esistente, supporterà i clienti in Asia. Lo stabilimento di Västerås, in Svezia, fornisce clienti in Europa e lo stabilimento di Auburn Hills nel Michigan supporta le Americhe.

ABB ha una gamma completa di attività commerciali in Cina – il suo secondo mercato più grande – tra cui ricerca e sviluppo, produzione, vendite e servizi. Impiega circa 20.000 dipendenti situati in 131 città e in 44 aziende locali. In Cina, il business della robotica del Gruppo impiega oltre 2.000 ingegneri, esperti di tecnologia e leader operativi in 20 località in tutto il Paese. Dal 1992 ABB ha investito oltre 2,4 miliardi di dollari in Cina.

Nicoletta Pisanu

Giornalista, collabora da anni con testate nazionali e locali. Laureata in Linguaggi dei Media e in Scienze sociali applicate all'Università Cattolica di Milano, è specializzata in cronaca.

    Nicoletta Pisanu ha 567 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Nicoletta Pisanu

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Pin It on Pinterest