Marco Fortis: “La ripresa è merito di Industria 4.0 e giovani imprenditori”

“Industria 4.0 e giovani imprenditori: questa è la ricetta del successo del nuovo made in Italy”. Questo in sintesi il pensiero espresso oggi sulle colonne de Il Sole 24 Ore da Marco Fortis, l’economista docente dell’Università Cattolica e direttore della Fondazione Edison che già altre volte aveva combattuto il disfattismo di quanti si farebbero volentieri cantori di un’Italia condannata al declino. La sua è un’analisi documentata, appassionata e – va detto – intrisa di ottimismo.

L’analisi di Fortis muove, nel suo stile, dai numeri. L’export italiano già prima della pandemia era già in forte ripresa: prendendo come base di partenza il 2015, nel primo quadrimestre 2018 l’Italia era già cresciuta come la Germania e più della Francia. Un anno dopo l’indice dell’export italiano faceva segnare 115,3, più di quello tedesco (113,5) e della Francia (112,3).

La pandemia ha poi fatto crollare gli indici, ma già nel primo quadrimestre del 2021 l’export italiano si è portato sopra i livelli pre-covid crescendo complessivamente del 20,2% rispetto al primo quadrimestre 2015, ben più della Germania (+13,5%), della Francia (+4,2%) e dei nostri competitor europei.

Secondo Fortis le ragioni sono “strutturali”: la prima è il successo del superammortamento e del piano Industria 4.0; la seconda è “la capacità dei giovani imprenditori insediatisi al comando di molte aziende negli ultimi anni, a seguito dei passaggi generazionali, di interpretare con visione e coraggio la spinta di Industria 4.0, innovando profondamente l’organizzazione, i processi e i prodotti delle imprese”.

Fortis snocciola altri numeri a dimostrarlo, perché a crescere non è stato solo l’export, ma tutto il valore aggiunto della manifattura italiana, cresciuto nel periodo 2014-2019 di più di quello tedesco; e poi la produttività del lavoro della manifattura italiana, aumentata dal 2015 in poi in misura superiore rispetto “ai Paesi del G7 e anche rispetto alla Spagna”.

Da ultimo, l’attacco a chi è convinto che “i figli o i nipoti dei fondatori delle imprese italiane si dedicassero solo alla bella vita, disperdendo il patrimonio produttivo costruito dai loro padri e nonni”. Fortis è convinto che questa idea sia “smentita dalla storia”.

A suo avviso, i giovani stanno facendo con le tecnologie e i modelli dell’industria 4.0 quello che i loro nonni hanno fatto con la meccanica: “si sono buttati nel nuovo mondo di Industria 4.0 con entusiasmo e capacità, mettendosi in gioco”.

E l’economista piemontese si dice infine fiducioso che quello che le nuove leve dell’imprenditoria italiana hanno fatto con Industria 4.0 “possa ora ripetersi con la transizione ecologica e digitale nell’ambito del Pnrr”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.