Triveneto, Alessandro Beghi è il nuovo presidente del consiglio di gestione del Competence Center Smact

Si rinnovala la governance del Competence Center Smact con la nomina di Alessandro Beghi, professore ordinario del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Padova, al ruolo di Presidente del Consiglio di Gestione.

Beghi succede così a Fabrizio Dughiero, Prorettore con delega all’innovazione e ai rapporti con le imprese dell’Università di Padova, che ha guidato il Competence Center dal 2018 ad oggi.

Nato a Padova, Beghi ha conseguito la Laurea in Ingegneria Elettronica nel 1989 e il titolo di Dottore di Ricerca in “Ingegneria dei Sistemi” nel 1993, entrambi all’Università di Padova. Dopo diversi periodi di studio e di ricerca all’estero dal 1994 è in servizio presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Padova, dove è attualmente professore ordinario di Automatica.

È Coordinatore dell’Area Scientifica “Ingegneria dell’Informazione” per l’Ateneo patavino e membro del Consiglio Direttivo e responsabile Scientifico della Rete Innovativa Regionale Improvenet (ICT for Manufacturing Processes Veneto Network).

Smact, in quanto società per azioni di natura consortile (scpa), è retto da una governance “duale”, che prevede un Consiglio di Gestione e un Consiglio di Sorveglianza. Il primo organo è responsabile della gestione per l’attuazione del programma di attività ed è composto da 7 membri, che sono: Alessandro Beghi, Università degli Studi di Padova; Giuliano Muzio, Fondazione Bruno Kessler; Lorenzo Fabian, IUAV; Johann Gamper, Libera Università di Bolzano; Gian Luca Foresti, Università degli Studi di Udine; Gianluigi Morselli, Wärtsilä Italia e Angelo Messina, EnginSoft.

Il Consiglio di Sorveglianza, organo di rappresentanza dei soci fondatori, era stato rinnovato nel mese di maggio e risulta così composto: Gianluigi Rozza, SISSA (Presidente); Daniela Mapelli, Università degli Studi di Padova; Giovanni Meruzzi, Università degli Studi di Verona; Tiziana Lippiello, Università Ca’ Foscari Venezia; Flavio De Florian, Università degli Studi di Trento; Angelica Peer, Libera Università di Bolzano; Alessandro Gasparetto, Università degli Studi di Udine; Brenno Albrecht, Iuav; Andrea Simoni, Fondazione Bruno Kessler; Pierluigi Campana, Istituto Nazionale Di Fisica Nucleare; Cédric Boniolo Hervaud, Camera di Commercio Padova; Umberto Bianchini, Carel Spa; Claudio Cenedese, Electrolux Italia Spa; Giorgio Brovazzo, Schneider Electric Spa; Luciano Marton, Texa Spa; Marco Doria, Genagricola.

Primo impegno per il nuovo presidente sarà l’inaugurazione della quarta edizione del Digital Transformation Training, programma di aggiornamento intensivo per imprenditori e manager che si terrà dal 23 al 25 giugno al polo universitario della Fondazione Portogruaro Campus e avrà per tema “Digital Twin, dal 4.0 al 5.0”.

“Ringrazio l’Università di Padova per aver indicato il mio nome e tutti i soci per la fiducia che mi è stata data. Ma ringrazio soprattutto il professor Dughiero per l’ottimo lavoro svolto, insieme al direttore generale Faggin e a tutto il team, in questi primi tre anni di vita del Competence Center”, commenta il neo presidente Beghi.

“Sono stati tre anni caratterizzati da un gran numero di progetti portati a termine, nonostante tutte le difficoltà legate al periodo della pandemia. Andremo avanti sulla strada tracciata, continuando ad ampliare il numero di imprese partner, a connettere impresa e ricerca in un’ottica sistemica e a diffondere nei territori le competenze su digitalizzazione e tecnologie 4.0”, aggiunge.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.