Dal 17 novembre via alle domande per gli incentivi previsti dal Green New Deal, ecco il decreto ministeriale

Dalle ore 10 del 17 novembre 2022 potranno essere inviate le domande per le agevolazioni e i contributi a fondo perduto previsti dal cosiddetto Green new deal italiano, cioè la linea di politica economica destinata alle imprese che intendono effettuare investimenti per la decarbonizzazione e la riconversione industriale.

Pubblicato il 31 Ago 2022

meccanica_green

Dalle ore 10 del 17 novembre 2022 potranno essere inviate le domande per le agevolazioni e i contributi a fondo perduto previsti dal cosiddetto Green new deal italiano, cioè la linea di politica economica destinata alle imprese che intendono effettuare investimenti per la decarbonizzazione e la riconversione industriale.

Gli incentivi sono destinati alle imprese che svolgono attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria (anche aggregate in reti d’impresa) e ai centri di ricerca. Destinatarie degli incentivi sono attività di ricerca industriale, sviluppo sperimentale e innovazione per realizzare nuovi processi produttivi, prodotti e servizi, o migliorare notevolmente quelli già esistenti, ottenendo così un miglioramento delle proprie performance ambientali.

Progetti, investimenti agevolati e risorse disponibili

Il programma di investimenti del Ministero dello sviluppo economico punta a supportare le imprese nel loro percorso di transizione finalizzata a ottenere obiettivi in termini di

  • decarbonizzazione
  • economia circolare
  • riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi
  • rigenerazione urbana
  • turismo sostenibile
  • adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico

La somma a disposizione delle imprese è pari a 750 milioni di euro a valere sul Fondo per la crescita sostenibile (FCS), gestito da Mediocredito Centrale, e sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca (FRI), gestito da Cassa depositi e prestiti.

In particolare, 600 milioni di euro sono destinati a finanziare la concessione dei finanziamenti agevolati e 150 milioni alla concessione dei contributi a fondo perduto.

A sportello o con procedura negoziale

I progetti che potranno essere finanziati devono prevedere investimenti da 3 milioni a 40 milioni da realizzare sul territorio nazionale e avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 36 mesi.

Le agevolazioni saranno a sportello (con un massimo di tre imprese partecipanti) per la fascia 3-10 milioni e con procedura negoziale (fino a cinque imprese partecipanti) per la fascia tra i 10 e i 40 milioni.

Le risorse sono ripartite al 50% per gli interventi a sportello e al 50% per quelli con procedura negoziale.

Le domande andranno presentate online attraverso il sito https://fondocrescitasostenibile.mcc.it, dove sarà attivata una fase di precompilazione a partire dal prossimo 4 novembre.

Il testo del decreto

Qui di seguito trovate il testo del decreto.

Qui invece tutti gli allegati

Decreto_direttoriale_apertura_DEF_23agosto2022

Valuta la qualità di questo articolo

Franco Canna
Franco Canna

Fondatore e direttore responsabile di Innovation Post. Grande appassionato di tecnologia, laureato in Economia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5