Fiere

Il 18 e il 19 ottobre torna a Verona Save, la fiera dedicata all’automazione nell’industria manifatturiera e di processo

Ritorna l’appuntamento con Save, la mostra convegno dedicata a Soluzioni e Applicazioni Verticali di Automazione, Strumentazione, Sensori e 4.0. L’edizione 2023 porrà particolare accento sui temi dell’automazione e della sostenibilità nei processi industriali.

Pubblicato il 20 Lug 2023

Save2

Save, la mostra convegno delle Soluzioni e Applicazioni Verticali di Automazione, Strumentazione, Sensori e 4.0, tornerà in scena il 18 e 19 ottobre presso la fiera di Verona.

L’evento è dal 2007 un punto di riferimento nel Nord Est per gli operatori del settore e un momento fondamentale di aggiornamento professionale e confronto diretto, aperto a esperti, aziende, enti, istituzioni, capace di garantire la più completa rassegna di tecnologie, strumentazione e soluzioni per l’industria, oltre che ideale punto d’incontro per sviluppare business.

Per rendere ancora più completa l’esperienza ai visitatori, l’evento si svolgerà in concomitanza con Mcma (Mostra Convegno Manutenzione industriale e Asset management), Fiera Idrogeno (unico appuntamento per le tecnologie e soluzioni dedicate) e mcTer (Energia ed Efficienza Energetica).

Save, i temi e il programma dell’edizione 2023

Dopo l’evento verticale tenutosi a Bergamo lo scorso aprile, cresce l’attesa per l’edizione 2023 di Save che – oltre a mettere in mostra le soluzioni più innovative per l’industria –, offrirà numerosi approfondimenti, convegni, seminari (oltre 20 sono le sessioni previste nelle due intense giornate), grazie anche alle “Smart Conference” e alle sessioni verticali con focus specifici, per andare meglio incontro alle esigenze di target ancor più specializzati.

I temi principali che saranno affrontati riguardano le soluzioni 4.0, l’automazione e il controllo, la sensoristica, la strumentazione, il condition monitoring, la manutenzione e l’asset management, l’efficienza energetica, la meccatronica, la raccolta dati e l’analisi, e la robotica. Temi che permetteranno di comprendere le sfide e le opportunità per l’innovazione e la competitività nei diversi settori industriali.

Uno dei temi centrali dell’edizione 2023 di Save sarà il ruolo dell’automazione nelle strategie di sostenibilità delle aziende. Proprio di questo si parlerà nel corso del convegno “sostenibilità dei processi industriali e le soluzioni di automazione e controllo”.

Il cambiamento climatico rappresenta una sfida reale e concreta anche per le industrie, che sono chiamate a ridurre il proprio impatto ambientale. L’automazione industriale può essere uno strumento prezioso non solo per aumentare la competitività delle aziende, ma anche per raggiungere obiettivi di sostenibilità, riducendo gli errori umani, ottimizzando i tempi di produzione e minimizzando gli sprechi di risorse.

Durante il convegno, organizzato da Anie Automazione, si discuterà dell’importanza di adottare politiche sostenibili nei processi industriali. Saranno presentati casi applicativi che evidenziano come l’implementazione di soluzioni per l’automazione e il controllo possa contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità dei processi industriali.

Sempre in tema di efficienza energetica e sostenibilità, saranno importanti anche gli approfondimenti legati al tema dell’idrogeno, che prevedono seminari, convegni e sessioni incentrate sulle innovazioni tecnologiche e le opportunità di sviluppo, fino alle strategie e alle possibilità – anche a breve – delle soluzioni e tecnologie per la produzione e utilizzo dell’idrogeno.

Save, con ingresso gratuito, è organizzato da Eiom in collaborazione con importanti associazioni e istituzioni.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5