IT, automazione e persone: alla Hannover Messe in mostra il Production Level 4

Alla Hannover Messe il consorzio SmartFactory-KL metterà per la prima volta in mostra il suo secondo dimostratore dedicato al Production Level 4: un termine che è stato coniato nel 2019 per descrivere la produzione autonoma del futuro che nasce come evoluzione di quello dedicato a Industria 4.0.

Pubblicato il 06 Feb 2020

pendrive

Alla Hannover Messe il consorzio SmartFactory-KL metterà per la prima volta in mostra il suo secondo dimostratore dedicato al Production Level 4: un termine che è stato coniato nel 2019 per descrivere la produzione autonoma del futuro che nasce come evoluzione di quello dedicato a Industria 4.0.

Il Production Level 4 integra tre componenti: IT, automazione e persone. “Osserviamo spesso un’implementazione riflessiva dell’automazione”, spiega il Prof. Martin Ruskowski, Presidente del Consiglio Direttivo di SmartFactory-KL. “Ma questo può portare i lavoratori ad uscire completamente dalla produzione e questo è un errore”. Le diverse e creative abilità di un essere umano – abilità solo apparentemente semplici come l’empatia, l’etica o la comprensione del tempo e dello spazio – non possono mai essere sostituite da macchine o metodi di Intelligenza Artificiale.

“Il nuovo dimostratore rappresenta l’implementazione tecnica dei nostri attuali risultati di ricerca e sviluppo. È il frutto della nostra esperienza e delle conoscenze acquisite nella costruzione e nel funzionamento del primo dimostratore per Industria 4.0”, ha detto Ruskowski.

Andreas Huhmann, membro del consiglio di amministrazione, ha aggiunto: “È importante che non rimaniamo bloccati nei vecchi modi di pensare. Il Production Level 4 ci permette di avvicinarci alle esigenze dell’industria con le orecchie aperte”. L’esperienza ha dimostrato che i dati, la capacità di calcolo e l’Intelligenza artificiale necessari per realizzare la nuova visione della produzione futura sono diventati disponibili solo recentemente.

Al dimostratore stanno lavorando 11 membri dell’associazione e 2 istituti di ricerca: B&R Industrial Automation, Centro di ricerca tedesco per l’intelligenza artificiale (DFKI), Empolis Information Management, Eplan Software & Service, German Edge Cloud, Harting Deutschland, IBM Deutschland, Huawei Technologies Deutschland, MiniTec Smart Solutions, proALPHA Business Solutions, Technologie-Initiative SmartFactory KL, TÜV SÜD AG e Pilz.

Il nuovo dimostratore

“A Kaiserslautern Abbiamo sviluppato un’architettura di sistema modulare scalabile ed espandibile”, ha detto Ruskowski nel descrivere il secondo dimostratore. “Siamo in grado di mostrare come i componenti del sistema siano facilmente sostituibili nel nostro ecosistema che è indipendente dalle tecnologie dei vari produttori”.

Uno dei componenti di controllo qualità è costruito proprio da SmartFactory-KL, mentre un altro è fornito da Harting. “Il dimostratore è progettato per consentire un ulteriore sviluppo ogni anno, in modo da raggiungere in cinque anni il Production Level 4 previsto”, ha spiegato il Professor Ruskowski.

Lo use case

SmartFactory-KL presenta quest’anno in fiera una linea di produzione di chiavette USB a forma di mattoncino tipo Lego. L’attenzione si concentra sui processi di produzione e sulla differenziazione dei prodotti tramite il software. Le singole fasi di produzione sono trasferibili a qualsiasi applicazione.

Il visitatore può configurare la sua chiavetta USB utilizzando un touch screen. Una volta effettuato l’ordine, inizia la lavorazione. Nella prima stazione di produzione vengono assemblati i mattoncini. Se il cliente vuole mettere un’immagine sulle chiavette USB, la seconda stazione è un componente di controllo qualità. Dopo di che in un terzo modulo di produzione vengono caricati dei dati sulla chiavetta. Infine nella quarta stazione di produzione viene fatto un ulteriore controllo di qualità con una telecamera e applicazioni AI. I controlli di qualità confrontano la chiavetta ordinata con il prodotto realizzato. Poi, se è tutto OK, il prodotto viene rilasciato.

Le stazioni di produzione sono raggruppate intorno a un sistema di trasporto centrale, che sposta i prodotti da una stazione all’altra.

Nasce SmartFactory-EU

Lo scorso 26 settembre 2019 gli istituti di ricerca FlandersMake (Belgio), Brainpoort Industries (Olanda) e SmartFactory-KL (Germania) hanno fondato SmartFactory-EU EEIG. L’estensione EEIG indica uno European Economic Interest Grouping previsto dal diritto comunitario.

La nuova associazione europea avrà la sua sede centrale a Kaiserslautern. Il Prof. Dr. Detlef Zühlke ne è direttore. L’obiettivo è quello di riunire sotto lo stesso tetto le numerose attività degli stati membri per rafforzare la posizione dell’Europa sul mercato mondiale. La Cerimonia inaugurale dell’associazione si svolgerà durante la Hannover Messe.

Valuta la qualità di questo articolo

Franco Canna
Franco Canna

Fondatore e direttore responsabile di Innovation Post. Grande appassionato di tecnologia, laureato in Economia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 3