farmaceutica

Stevanato Group introduce nuovi prodotti per ottimizzare la produzione farmaceutica

Stevanato Group, fornitore di soluzioni per il contenimento e la somministrazione di farmaci, annuncia l’introduzione di due nuovi prodotti per ottimizzare la produzione farmaceutica in piccoli volumi: l’Ez-fill Kit e il servizio non Gmp di Fill and Finish. Queste innovazioni puntano a rispondere all’accelerazione del time-to-market nel settore farmaceutico e biotecnologico, contribuendo alla crescita di queste industrie.

Pubblicato il 24 Gen 2024

Stevanato Group

Stevanato Group, azienda che opera nel settore delle soluzioni per il contenimento e la somministrazione di farmaci, nonché per la diagnostica rivolte all’industria farmaceutica, biotecnologica e life science, ha annunciato l’introduzione di due nuovi prodotti volti a ottimizzare la produzione farmaceutica in piccoli volumi: l’Ez-fill Kit e il servizio non Gmp di Fill and Finish da laboratorio presso i suoi Technology Excellence Center (TEC).

Produzione in piccoli lotti, una soluzione “ready-to-use” per l’industria farmaceutica

In un panorama dove l’accelerazione del time-to-market è cruciale, l’innovativo Ez-fill Kit proposto da Stevanato Group offre un accesso immediato a una soluzione adattabile e polivalente per le imprese farmaceutiche e biotecnologiche che necessitano di riempire efficacemente piccoli volumi con formulazioni iniettabili di alta qualità durante le fasi cliniche o commerciali.

L’aumento esponenziale osservato nell’industria biofarmaceutica per il trattamento di una gamma variegata di patologie in diversi ambiti terapeutici può indicare un potenziale significativo di crescita per le aziende farmaceutiche.

Gli iniettabili, che costituiscono oltre il 60% dei più di 21.000 medicinali attualmente in fase di sviluppo, tra cui il 44% sono biofarmaci, necessitano tecnologie avanzate per il confezionamento primario e la somministrazione al fine di garantire una corretta conservazione e somministrazione.

L’Ez-fill Kit di Stevanato Group si avvale della sua preesistente piattaforma ready-to-use di soluzioni di contenimento pre-sterilizzate – fiale, cartucce e siringhe – permettendo ai clienti di esaminare efficacemente diversi tipi di imballaggi primari in combinazione con prodotti farmaceutici.

Il kit sarà disponibile come scatola modulare composta da contenitori in vetro pronti all’uso per farmaci, e da componenti aggiuntivi su richiesta, spediti tramite corriere.

In questo modo, la piattaforma può garantire ai pazienti elevati standard di qualità e sicurezza durante l’intero ciclo di vita dei farmaci e potenziare la rapidità con cui i nuovi medicinali raggiungono il mercato.

L’Ez-fill Kit sarà presentato a Pharmapack e si prevede che la sua commercializzazione sarà disponibile a partire dal secondo trimestre del 2024.

Il servizio non Gmp di Fill and Finish

In aggiunta, per fornire un supporto più efficace ai clienti, Stevanato Group ha lanciato un servizio non Gmp di riempimento e finitura da laboratorio presso i suoi Technology Excellence Center (TEC) situati a Boston, negli Stati Uniti, e a Piombino Dese, in Italia.

Questo nuovo servizio permette ai clienti di valutare ed individuare gli eventuali effetti del processo di riempimento e finitura sulle performance dei loro prodotti già nella fase di selezione dei contenitori, riducendo così i rischi dei processi e migliorando la strategia di sviluppo e commercializzazione.

“Nella corsa per portare nuovi prodotti biofarmaceutici avanzati sul mercato e ai pazienti, Stevanato Group sta affrontando la sfida di supportare tempestivamente i clienti con soluzioni flessibili di contenimento e riempimento dei farmaci”, commenta Fabio Bertacchini, Senior Director EZ-fill Vials & Cartridges di Stevanato Group.

“L’obiettivo di Stevanato Group rimane lo sviluppo di nuove offerte che possano contribuire a migliorare gli standard di produzione farmaceutica. Sfruttando l’esperienza fornita dai nostri TEC Center globali, miriamo a supportare l’innovazione dei clienti, aiutandoli ad affrontare i test e i processi di riduzione dei rischi, e a fare le scelte giuste al primo tentativo durante il loro percorso di sviluppo dei farmaci”, conclude.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5