Il report dell’OCSE: la pandemia è stata un acceleratore per ricerca e innovazione, ma bisogna cogliere l’attimo o ci ritroveremo impreparati alle sfide future

Secondo il report “Science, Technology e Innovation Outlook 2021” dell’OCSE la pandemia ha accelerato alcuni trend già in atto, come l’adozione delle tecnologie digitali, ma ha anche sottolineato e accentuato problemi strutturali che, se non risolti, impediranno di rispondere adeguatamente alle sfide future. I risultati ottenuti grazie allo sforzo congiunto della comunità scientifica internazionale mostrano come un approccio più trasparente e condiviso alla ricerca possa offrire benefici a tutta la collettività. Ma occorrono regole condivise e un impegno maggiore in termini di finanziamento e sostegno da parte di governi e policy maker.

Continua a leggere

Recovery Plan, come cambia il capitolo dedicato a Digitalizzazione e Innovazione del sistema produttivo

Uno dei capitoli maggiormente penalizzati dalla riorganizzazione delle voci di spesa del Recovery plan è quello dedicato a Digitalizzazione e Innovazione del sistema produttivo. A questa componente sono assegnate risorse per circa 26 miliardi. Nella versione precedente, le risorse di questa componente erano oltre 32 miliardi di euro. Le risorse dedicate al progetto Transizione 4.0 passano da 21,7 miliardi a 18,98 miliardi. Su questi temi l’Italia però si impegna a investire 9,86 miliardi di fondi propri nei prossimi sei anni.

Continua a leggere

Recovery Plan, tutti i dettagli della missione dedicata a digitalizzazione, innovazione e competitività

Al tema “Innovazione, competitività, digitalizzazione 4.0 e internazionalizzazione” è dedicato un ampio capitolo del Recovery Plan italiano, con 8 macroprogetti e una spesa prevista di 32,44 miliardi di euro. In questo articolo vi proponiamo le schede che contengono tutti i numeri, le tipologie di investimento, le milestone e i target dei progetti dedicati a: Transizione 4.0, Patent Box, Agricoltura digitale, Editoria 5.0, Innovazione e tecnologia dei microprocessori, banda ultralarga e 5G, Space economy e Internazionalizzazione.

Continua a leggere

Case delle Tecnologie Emergenti, pubblicata la graduatoria con i 5 progetti ammessi

Torino, Roma, Bari, Prato e L’Aquila ospiteranno le nuove Case delle Tecnologie Emergenti. Il Programma del Mise finanzia la realizzazione sul territorio di centri di trasferimento tecnologico, volti a supportare progetti di ricerca e sperimentazione verso PMI e start-up relativi alle tecnologie della Blockchain, IoT e intelligenza artificiale, collegati allo sviluppo delle reti di nuova generazione 5G. Questi progetti si aggiungeranno a quello, già terminato, della prima Casa delle Tecnologie Emergenti di Matera, inaugurata nel dicembre 2019.

Continua a leggere

Enea Tech, ecco il team di manager che guideranno gli investimenti del Fondo per il Trasferimento Tecnologico

Salvatore Mizzi, DG della Fondazione Enea Tech (che ha il compito di gestire il Fondo per il Trasferimento Tecnologico di 500 milioni, dedicato al trasferimento tecnologico tra il mondo della ricerca e le imprese), ha nominato il team degli investment director che si occuperanno di selezionare le imprese e gli interventi di spin-off per promuovere il trasferimento tecnologico.

Continua a leggere

Start-up e PMI innovative, nel 2019 numeri in crescita e aumenta l’uso di tecnologie 4.0

La sesta Relazione annuale del Ministro dello Sviluppo Economico al Parlamento sulle startup e PMI innovative evidenzia che, nonostante la crisi, le start-up e le PMI italiane hanno saputo utilizzare le tecnologie 4.0 per aumentare la propria resilienza e capacità di adattamento. Rispetto ai dati del 2018, infatti, sia le start-up che le PMI innovative aumentano per unità, forza lavoro coinvolta, e fatturato. La crescita è continuata anche nei primi mesi del 2020, anche se la crisi dovuta alla pandemia ha colpito duramente l’intero settore produttivo.

Continua a leggere

Dati Istat, industria e servizi guidano l’innovazione, ma aumenta il divario tra PMI e grandi imprese

Il rapporto Istat “L’innovazione nelle imprese, anni 2016-2018” fornisce un quadro sugli investimenti, le attività e le spese in innovazione delle imprese italiane nel triennio 2016-2018. Secondo i dati, l’industria e i servizi si confermano i settori dove si innova maggiormente. Nonostante ci siano segnali di crescita nella spinta innovativa delle piccole imprese, aumenta la forbice con le grandi aziende in termini di capacità innovativa, investimenti e spesa in innovazione per singolo addetto. A sostenere l’innovazione delle imprese italiane sono le agevolazioni fiscali, mentre concorrenza e costi elevati rappresentano i maggiori ostacoli.

Continua a leggere

Trix, la piattaforma in cloud che permette di scoprire se un’idea è veramente innovativa

Trix è un’innovativa piattaforma cloud che combina la metodologia basata sulla Teoria per la Soluzione dei Problemi Inventivi (Triz) con un software di ricerca e analisi basato su Intelligenza Artificiale e Big Data. Permetterà di verificare rapidamente se un’idea innovativa può essere sfruttata a scopo brevettuale o per accedere agli incentivi.

Continua a leggere

Smart Money, 9,5 milioni di euro a sostegno delle start-up innovative

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Smart Money, che mette a disposizione delle start-up innovative 9,5 milioni di euro per favorire il rafforzamento del sistema delle start-up innovative italiane sostenendole nella realizzazione di progetti di sviluppo e facilitandone l’incontro con l’ecosistema dell’innovazione. 

Continua a leggere

L’italiano Filippo Bosco premiato agli EIT Awards 2020

L’italiano Filippo Bosco si è aggiudicato il primo premio agli EIT Awards 2020 nella sezione dei Venture Awards, che premiamo le migliori start-up e scale-up che hanno beneficiato del sostegno alla creazione e accelerazione di impresa da parte della Comunità dell’EIT (la più grande rete europea di innovazione, con oltre 2 mila partner e più di 60 poli di innovazione in tutta Europa). L’imprenditore italiano, fondatore e CEO di BluSense Diagnostic (azienda che opera in Danimarca nella diagnosi e nel trattamento di malattie infettive potenzialmente mortali), si è aggiudicato il premio di 50 mila euro.

Continua a leggere

Da Torino a Napoli, da Bentivogli a Fuggetta: ecco InnovAction, il “Fraunhofer” italiano a supporto dell’innovazione

InnovAction è una rete di quattro centri – il Cefriel di Milano, la Fondazione Bruno Kessler di Trento, la Fondazione Links di Torino e il Campania New Steel – che vuole promuovere l’innovazione tecnologica con un particolare focus sulle PMI. L’iniziativa, fortemente voluta da Marco Bentivogli, Alfonso Fuggetta, Francesco Profumo, Paolo Traverso, Stefano Buscaglia e Giorgio Ventre, si basa sul modello dei Fraunhofer tedeschi e mira, come l’associazione tedesca, a integrare fondi europei e privati al sostegno pubblico, necessario per promuovere la rete su tutto il territorio e coinvolgere anche le imprese più piccole nei progetti di innovazione.

Continua a leggere