Intelligenza Artificiale e cloud, così Continental aumenta l’efficienza dei trasporti su strada

La logistica ha visto un ulteriore impulso con lo sviluppo del commercio internazionale e con la pandemia, che ha velocizzato l’espansione degli store on-line. L’evoluzione del settore non può non tener conto dei nuovi strumenti dell’industria, quali l’Intelligenza Artificiale e il cloud, il fornitore Continental li recepisce entrambi.

Pubblicato il 20 Ott 2022

Intelligenza Artificiale e cloud,_Continental aumenta l’efficienza dei trasporti_1

La logistica, importante da sempre, ha visto un ulteriore impulso con lo sviluppo del commercio internazionale e con la pandemia, che ha velocizzato l’espansione degli store on-line. L’evoluzione del settore non può non tener conto delle opportunità messe a disposizione da nuovi strumenti come l’Intelligenza Artificiale e il cloud.

Calcolo veloce del volume grazie all’AI

L’ottimizzazione del carico dei veicoli commerciali è uno degli aspetti più critici nella gestione delle flotte: basta pensare ai viaggi a carico parziale (i cosiddetti Less than a truck loaded, LTL) o persino con il camion vuoto.

I gestori delle flotte possono minimizzare le situazioni LTL cercando altri altri ordini di trasporto ma, per poterne usufruire, devono comunicare i dati sul peso e sul volume di carico ancora disponibili oltre all’imprescindibile posizione del veicolo.

Continental offre una soluzione semplice ed evoluta: si tratta di una app che, a partire da una foto del vano di carico, calcola il volume ancora disponibile rendendo così condivisibile questo dato essenziale.

Elaborazione sul cloud con l’AI

L’operatore scatta una foto dell’area di carico, del camion o del rimorchio, con il proprio smartphone e l’immagine viene caricata nel cloud Continental, dove è eseguito il calcolo del volume di carico disponibile grazie a un algoritmo di Intelligenza artificiale sviluppato dall’azienda. Il conducente può comunque modificare o aggiungere ulteriori informazioni manualmente direttamente sullo smartphone prima di caricarle, grazie alla connettività del cellulare, sul cloud Continental.

I dati dell’elaborazione vengono poi trasmessi al software di spedizione e il processo si conclude rapidamente. Il dato sul peso di carico ancora disponibile prima di raggiungere la massa totale a terra (MTT) può essere inviati dal tachigrafo intelligente VDO o attraverso il software telematico dell’interfaccia FMS.

Dalla guida autonoma alla logistica

È interessante notare che, come dichiarato da Jörg Lützner, a capo della divisione Smart Mobility Innovation Management e responsabile Development Trailer Capacity Assessment di Continental, “l’intelligenza artificiale che utilizziamo in questo processo si basa sull’esperienza maturata in molti progetti di assistenza alla guida autonoma”.

Il prototipo del sistema ha già dato buoni risultati durante la fase di sviluppo, durata circa due anni, e “il vantaggio di poter usare l’intelligenza artificiale è che impara ogni volta che la usiamo, così migliora costantemente”.

Il cloud al servizio dei trasporti commerciali

Si è quindi capito che il cloud gioca un ruolo essenziale nel funzionamento di questo sistema ma la sua adozione da parte di Continental non è certo limitata a questa applicazione su smartphone. Nel corso del salone IAA di Hannover Continental ha infatti presentato il concept di VDO Link, una soluzione cloud che vuole eliminare il gap fra i tachigrafi digitali e le piattaforme online per la gestione della flotta.

L’azienda ne parla come di una soluzione plug-and-play che permette di recuperare ed elaborare in tempo reale e da remoto i dati del tachigrafo – quali i tempi di guida e di riposo – senza la necessità di installare moduli telematici nel veicolo.

L’ottimizzazione passa dal cloud

Marcello Lucarelli, responsabile del segmento di business Connected Commercial Vehicle Solutions di Continental, spiega che “le flotte più piccole spesso non sono in grado di sfruttare al meglio i dati del tachigrafo perché i loro veicoli non avevano l’infrastruttura telematica necessaria e VDO Link permette loro di superare questa mancanza. I dati del tachigrafo offrono oggi l’opportunità di automatizzare i processi, semplificare le attività e ottenere incrementi di produttività”.

Dopo l’installazione Plug & Play e la registrazione sul sito Web VDO Fleet,il VDO Link potrà inviare in tempo reale e in modo sicuro i dati del veicolo e dell’autista al Secure Cloud Backend di Continental.

I gestori flotta potranno quindi sfruttare i servizi di Continental grazie al collegamento in tempo reale al cloud: essi avranno non soltanto un quadro aggiornato della flotta e della localizzazione dei singoli veicoli ma potranno anche gestire da remoto il download obbligatorio, ogni 90 giorni, della memoria del tachigrafo.

Una startup per le flotte

Fra i servizi resi possibili dall’integrazione fra tachigrafo, software di gestione e cloud c’è anche la possibilità di inviare messaggi all’autista, per esempio ricordandogli di cambiare il codice Paese nel tachigrafo dopo aver attraversato un confine.

Per sviluppare questi servizi Continental ha acquisito ZeKju, una start-up tedesca che aveva sviluppato una piattaforma per aiutare gli autisti a rispettare gli obblighi di legge a partire dai dati tachigrafici in real time. Questa piattaforma invia i messaggi ai social dei guidatori, evitando così l’incombenza di dover istallare un’altra app nello smartphone.

Fra gli sviluppi di VDO Link l’integrazione dei servizi di pedaggio e quella con il già citato servizio per l’accettazione di ulteriori ordini di trasporto, reso possibile dal dialogo via cloud fra la app di valutazione del volume e i dati sul peso del veicolo parzialmente carico.

Valuta la qualità di questo articolo

A
Nicodemo Angì

Metà etrusco e metà magno-greco, interessato alle onde (sonore, elettriche, luminose e… del mare) e di ingranaggi, motori e circuiti. Da sempre appassionato di auto e moto, nasco con i veicoli “analogici” a carburatore e mi interesso delle automobili connesse, elettriche e digitali.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 3