robotica mobile

ABB acquisisce Sevensense, start-up svizzera di navigazione 3D per Robot Mobili Autonomi

ABB rafforza la sua posizione nel campo della robotica mobile autonoma acquisendo la start-up svizzera Sevensense, specializzata in tecnologie di navigazione 3D abilitate all’intelligenza artificiale per i robot mobili. L’acquisizione consentirà ad ABB di offrire soluzioni di navigazione avanzate e di consolidare la propria leadership nel mercato in rapida crescita degli AMR.

Pubblicato il 11 Gen 2024

Hero_image_FOT6041-Editar_rtv2

ABB ha annunciato l’acquisizione della start-up svizzera Sevensense, fornitore di tecnologie di navigazione con visione 3D abilitate all’intelligenza artificiale per robot mobili autonomi (AMR).

L’acquisizione segue l’investimento di minoranza di ABB in Sevensense dopo l’ingresso nell’ecosistema di innovazione dell’azienda nel 2021, lo stesso anno in cui ABB ha acquisito Asti Mobile Robotics.

I dettagli finanziari della transazione non sono stati resi noti. In seguito a progetti pilota di clienti nei settori automobilistico e logistico, ABB integrerà la tecnologia di Sevensense nel portafoglio AMR dell’azienda, offrendo una combinazione senza precedenti di velocità, precisione e carico utile.

ABB punta sugli AMR di nuova generazione basati sull’AI

L’operazione permetterà ad ABB di consolidare la sua posizione sul mercato della robotica mobile di prossima generazione basata sull’AI.

Si tratta di un mercato con un grande potenziale che, si stima, crescerà con un CAGR del 20% fino al 2026, passando da 5,5 miliardi di dollari a 9,5 miliardi di dollari.

La pionieristica tecnologia di navigazione Sevensense combina l’intelligenza artificiale e la visione 3D, consentendo agli AMR di prendere decisioni intelligenti, distinguendo tra oggetti fissi e mobili in ambienti dinamici.

Una volta guidati manualmente, i robot mobili con tecnologia Visual Simultaneous Localization and Mapping (Visual SLAM) creano una mappa che viene utilizzata per operare in modo indipendente, riducendo i tempi di messa in servizio da settimane a giorni e consentendo agli AMR di navigare in ambienti altamente complessi e dinamici accanto alle persone.

Le mappe vengono costantemente aggiornate e condivise in tutta la flotta, offrendo una scalabilità istantanea senza interrompere le operazioni e una maggiore flessibilità rispetto ad altre tecnologie di navigazione.

Le prospettive di applicazione della tecnologia

Oggi questa tecnologia di navigazione abilitata dall’intelligenza artificiale sta già trasformando i settori della produzione automobilistica e della logistica, fornendo valore aggiunto attraverso operazioni più rapide ed efficienti.

“Offrendo maggiore autonomia e intelligenza cognitiva, la tecnologia di ABB, unica e collaudata sul mercato, apre la strada al passaggio da linee di produzione lineari a reti dinamiche. Gli AMR intelligenti navigano autonomamente verso le celle di produzione, tracciano le scorte di magazzino e condividono queste informazioni con altri robot, collaborando in modo sicuro fianco a fianco con gli esseri umani”, commenta Marc Segura, Presidente della Divisione Robotica di ABB.

“Con l’acquisizione di Sevensense, ABB diventa leader negli AMR di nuova generazione, offrendo Visual SLAM in Autonomous Mobile Robots, insieme a un portafoglio integrato di robot e soluzioni per l’automazione delle macchine, il tutto gestito dal nostro software che crea valore”, aggiunge.

Questa tecnologia rivoluzionaria ha il potenziale per avere un impatto sulla robotica ben oltre gli AMR, portando a una maggiore efficienza, flessibilità e precisione nella produzione e nell’intralogistica.

La tecnologia continuerà a essere venduta anche in altri segmenti, tra cui la movimentazione dei materiali, la pulizia e altri campi della robotica di servizio, con il nome di prodotto Sevensense.

“Questo è un momento significativo nel nostro percorso comune, in quanto introduciamo la nostra tecnologia interna in una gamma più ampia di mercati e settori. ABB è la sede ideale per continuare a scalare la nostra versatile piattaforma per l’autonomia visiva 3D, al servizio degli OEM nei settori della movimentazione automatizzata dei materiali e della robotica di servizio. Insieme, ridefiniamo i limiti della robotica abilitata dall’intelligenza artificiale”, commenta Gregory Hitz, CEO di Sevensense.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5