ABB inaugura il suo stabilimento di Shanghai per la produzione di robot di nuova generazione

ABB ha inaugurato ufficialmente la sua fabbrica di robotica, completamente automatizzata e flessibile, a Kangqiao, nella regione di Shanghai in Cina. Lo stabilimento di 67.000 mq rappresenta un investimento da 150 milioni di dollari da parte di ABB e impiegherà le tecnologie digitali e di automazione dell’azienda per produrre robot di nuova generazione, rafforzando il posizionamento di ABB nella robotica e nell’automazione in Cina.

L’inaugurazione avviene dopo poco più di due anni dall’inizio dei lavori e in ritardo rispetto quanto aveva inizialmente programmato l’azienda (l’inaugurazione era infatti attesa nel 2021).

La strategia “in Cina per la Cina” di ABB

“L’apertura del nostro nuovo mega stabilimento è un’altra pietra miliare per aiutare i nostri clienti a crescere in modo sostenibile, ad affrontare la carenza di manodopera e a creare posti di lavoro di alto valore in una nuova era di automazione”, commenta Sami Atiya, Presidente di ABB Robotics and Discrete Automation.

“La nostra fabbrica innovativa, automatizzata e flessibile svolge un ruolo chiave nella nostra strategia ‘in Cina, per la Cina’, rafforzando la nostra intera catena del valore. Con oltre il 90% delle vendite sostenute dal nostro stabilimento, la nuova struttura aiuterà i nostri clienti in Cina a creare più prodotti, soluzioni e servizi a livello locale”, aggiunge.

ABB prevede che il mercato globale dei robot crescerà dagli attuali 80 miliardi di dollari a 130 miliardi nel 2025, mentre la Cina, il più grande mercato mondiale della robotica, rappresenterà il 51% delle installazioni globali di robot nel 2021, superando il traguardo di un milione di unità di robot operativi nel 2021.

Uno stabilimento che riunisce mondo fisico e digitale

Lo stabilimento riunisce il mondo fisico e quello digitale, creando un ecosistema di produzione digitale che sfrutta la pianificazione virtuale e i sistemi di gestione della produzione per migliorare le prestazioni e massimizzare la produttività attraverso la raccolta e l’analisi dei dati.

Non ci sono linee di assemblaggio tradizionali e fisse, ma celle di produzione flessibili e modulari collegate digitalmente e in rete, servite da robot mobili autonomi e intelligenti.

I sistemi robotizzati dotati di intelligenza artificiale si occupano di attività come l’avvitamento, l’assemblaggio e la movimentazione dei materiali, sollevando il personale da queste mansioni e consentendo un lavoro più gratificante.

“Questo stabilimento dà vita alla nostra visione della fabbrica del futuro, dove l’automazione flessibile rende la produzione e la logistica interna più veloci e più efficienti”, commenta Marc Segura, Presidente di ABB Robotics.

“Incarna il nostro impegno per la produzione flessibile, modulare e intelligente e rappresenta la nostra attenzione alle tecnologie di apprendimento dell’intelligenza artificiale per una robotica più intelligente. Nella nostra nuova struttura di R&S, svilupperemo insieme alle aziende nuove soluzioni per prepararle a una nuova era di automazione nel più grande mercato mondiale della robotica”, aggiunge.

Un centro di ricerca e sviluppo di 8.000 m2

Il centro di ricerca e sviluppo del sito, che copre un’area di 8.000 m2, creerà innovazione nel campo dell’intelligenza artificiale (AI), della digitalizzazione e del software, come la mobilità autonoma, il gemello digitale, la visione artificiale e il software di programmazione low-code, per rendere i robot più intelligenti, flessibili, sicuri e facili da usare.

Queste innovazioni, sviluppate insieme a partner e clienti nell'”open lab” di ABB, contribuiranno a sbloccare nuove possibilità per l’automazione flessibile in nuovi settori come i veicoli a nuova energia (NEV), la logistica, la sanità, il settore alimentare e delle bevande.

Dopo aver formato più di un milione di persone in Cina dal 2005 grazie a partnership con scuole e università, il nuovo sito continuerà a preparare ed equipaggiare partner e utenti finali con le competenze necessarie per prosperare in una nuova era di automazione.

Lo stabilimento è l’ultima struttura ABB per la robotica e l’automazione discreta ad essere inaugurata quest’anno, dopo il nuovo campus globale per l’innovazione e la formazione sulla Machine Automation in Austria a luglio e la Learning Factory 4.0 a Berlino a settembre.

ABB impiega più di 15.000 persone in oltre 130 città in Cina, che rimane uno dei più importanti centri di ricerca e sviluppo e di produzione di ABB. Essendo uno dei tre stabilimenti ABB Robotics nel mondo, il nuovo impianto di Shanghai, che sostituisce il sito esistente, supporterà i clienti in Asia. Lo stabilimento di Västerås, in Svezia, rifornisce i clienti in Europa e quello di Auburn Hills, nel Michigan, supporta le Americhe.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.