SPONSORED STORY

CADENAS, il catalogo digitale 3D che aiuta i progettisti e anche il marketing



Indirizzo copiato

Marketplace, motore di ricerca, strumento di lavoro, di supporto al marketing e promotore dei Digital Twin. Tutto quello che c’è da sapere su CADENAS raccontato da Daniele Musiani

Pubblicato il 1 dic 2023



CADENAS cataloghi digitali

Marketplace, motore di ricerca strumento di lavoro, supporto al marketing o promotore dei Digital Twin? CADENAS è tutto questo e altro ancora. Per inquadrare meglio questa multiforme realtà abbiamo parlato con Daniele Musiani, Manager of Sales in CADENAS Italia.

La casa madre è la tedesca CADENAS Gmbh, con headquarter in Augsburg, mentre la filiale italiana è a Bologna, capoluogo di quell’Emilia Romagna epicentro delle industrie meccaniche italiane.

L’azienda ha sviluppato una tecnologia proprietaria in grado di creare un catalogo digitale accessibile via web che mette in contatto produttori di parti meccaniche per l’industria, l’arredamento e l’edilizia con i progettisti, gli ingegneri e gli architetti.

Ma i benefici delle soluzioni proposte da CADENAS si estendono anche oltre il semplice marketplace, comprendendo la generazione di lead qualificati e dati di sostegno al marketing e la “facilitazione” del ricorso ai Digital Twin.

Cataloghi digitali sotto il segno della praticità

Nel 2022 più di 100 aziende italiane hanno scelto CADENAS come facilitatore nella diffusione dei Digital Twin e come partner per la digitalizzazione e l’internazionalizzazione delle loro attività. L’anno scorso, grazie alle piattaforme web gestite direttamente da CADENAS, sono stati distribuiti oltre 640 milioni di modelli 3D e ha dato grande visibilità internazionale dato che il 75% dei download dei produttori italiani è stato scaricato da più di 28.000 aziende straniere.

I cataloghi digitali CADENAS sono pensati per far trovare e scegliere prodotti con un corredo di informazioni così completo da poter essere inseriti nei progetti con pochi click. Questa praticità inizia con il fatto che i disegni 3D sono “disponibili in più di 100 formati proprietari, come se il progettista li avesse disegnati in prima persona: la piattaforma offre non solo la matematica del pezzo ma anche informazioni su certificazioni, vita utile, cinematica, certificazioni ambientali quali RoHS e REACH e altro ancora, insomma un vero e proprio Digital Twin”, ricorda Daniele Musiani.

Il portale 3dfindit.com è il “luogo” principale nel quale cercare il componente che occorre per un progetto e questo può avvenire in diverse maniere: ricerca testuale, in base alla forma (che può essere disegnata in 2 e 3D direttamente dal sito con un semplice mouse), per marchio, per eClass (9.1 o 11.0) o per standard (ANSI, ISO, UNI e altri), trascinando un disegno, con una foto o per macroaree funzionali, che sono più di 50: ammortizzazione, serraggio, stampaggio e così via. La lingua del portale è determinata in automatico in base alla lingua del browser di chi sta effettuando la ricerca.

Questa facilità di accesso semplifica la vita dei progettisti e avvicina i produttori che possono consolidare il rapporto cliente/fornitore grazie a questa piattaforma.

L’incontro fra domanda e offerta

La ricerca “visuale” restituisce i particolari simili al disegno/immagine inseriti cercando nei cataloghi dei produttori e fornendo inoltre una percentuale di somiglianza con il disegno fornito, percentuale che può anche essere impostata dall’utilizzatore.

Il catalogo digitale CADENAS ha la caratteristica di essere accessibile da più piattaforme contemporaneamente, dal portale 3dfindit.com, integrato direttamente con il sito del produttore e negli oltre 90 portali verticali frutto della collaborazione con riviste specializzate, associazioni, produttori di software CAD etc.…

Questo apre la diffusione del prodotto ad un mercato globale di oltre 24 milioni di progettisti.

Il produttore ha quindi il vantaggio di avere dati centralizzati in un unico “luogo” che vengono però pubblicati su molte vetrine in un meccanismo comprensibile anche a chi non ha una formazione tecnicamente spinta, come accade per diversi fondatori di PMI. Il catalogo digitale CADENAS viene proposto come una soluzione che fa risparmiare tempo all’ufficio tecnico del compratore e rende pubblici i componenti del produttore tutelandone però il know-how dato che i disegni messi online non sono quelli costruttivi ma una versione “commerciale”, sufficiente per valutare i prodotti e inserirli nei progetti delle aziende. Il tutto è ovviamente consultabile ovunque e 24/7, cosa particolarmente apprezzata dai tempi della pandemia, e aggiungiamo il fatto che nell’ultima versione di CADENAS si scarica un modello 3D quotato, cosa che si traduce in ulteriore risparmio di tempo per il progettista.

Lead qualificati, data mining e garanzie sulla proprietà intellettuale

I cataloghi digitali CADENAS sono diventati anche uno strumento usato in occasione delle fiere: alcuni produttori hanno previsto nel loro stand dei display touch sui quali selezionare il componente d’interesse e spedire il disegno 3D e la scheda prodotto in tempo reale (un PDF con all’interno il disegno 3D) alla mail del visitatore in un’azione veloce, versatile e anche green perché fa risparmiare carta, peso ed emissioni connesse al trasporto dei dépliant. È anche possibile implementare facilmente esperienze di realtà virtuale e aumentata, per visualizzare, tramite uno smartphone, un porta asciugamani applicato alla parete.

I cataloghi digitali CADENAS possono poi integrarsi a vari livelli nel sito dell’azienda, compreso il passaggio seamless con l’e-Commerce, e l’idea è quella di diventare una sorta di motore di ricerca per progettisti.

L’amplissimo database generato dagli utilizzatori dei cataloghi digitali CADENAS genera informazioni di grande valore a supporto della strategia commerciali e marketing. In effetti ogni produttore può contare su un ampio set di dati che nasce dal fatto che chi fa una ricerca si registra sul sito e queste credenziali sono un lead qualificato perché la persona in oggetto ha cercato informazioni specifiche spinto da un interesse preciso. Sono inoltre disponibili informazioni su quanti prodotti “guardati” vengono poi effettivamente scaricati, un’informazione molto utile per il produttore che ha anche la geolocalizzazione dell’origine delle richieste per promuovere azioni di marketing mirato. È possibile ottenere informazioni sull’andamento futuro degli ordini, sull’efficacia delle attività di marketing e sull’orientamento dei i mercati.

Tutto questo nell’era moderna della comunicazione e vendita rappresenta un vantaggio competitivo notevole.

Molte aziende italiane di rilevanza globale sono sui cataloghi digitali CADENAS anche perché, come evidenziato dal nostro interlocutore, “vengono offerte garanzie di riservatezza assoluta sui lead generati accedendo al sito. Anche imprese in concorrenza fra di loro sono sulla piattaforma perché le ricerche che riguardano i prodotti di un marchio sono rigorosamente riservate, CADENAS di fatto è un facilitatore della strategia commerciale di ogni azienda”. Ad oggi tante aziende collaborano già con CADENAS, tra queste Pneumax, Camozzi, Bosch Rexroth e Metal Work (azionamenti); Servomech, Draintech e Niasa (martinetti) ed E.T.A. SpA, Carlo Gavazzi, Schneider Electric e Rockwell Automation (componenti elettrici).

Oltre il CAD, verso i Digital Twin

I dati dimensionali dei CAD sono solo uno “strato” delle informazioni inerenti a un componente, che sia un pezzo meccanico, un materiale da costruzione o mobile d’arredamento. In quest’ottica il catalogo digitale CADENAS sta implementando informazioni quali il CAD elettrico CAE, dedicato alla documentazione dei sistemi di controllo elettrico-elettronici, e quelle BIMBuilding Information Modeling alla base della trasformazione digitale nel settore dell’architettura, dell’ingegneria e delle costruzioni. Le possibilità legate al BIM non sono però ancora molto diffuse in Italia anche per motivi legislativi: Daniele Musiani evidenzia infatti che “il percorso di sensibilizzazione delle aziende in alcuni settori è ancora lungo, chi oggi sceglie la distribuzione di Digital Twin fa un passo nel futuro che è però dietro l’angolo. Questo lo dimostra la velocità con cui oggi il mercato evolve”..

A tal proposito per evidenziare come il futuro corra veloce, CADENAS collabora al progetto DIAMOND, finanziato dall’UE e sostenuto dal Ministero federale tedesco per gli Affari economici: l’acronimo sta per Digital Asset Modelling with Neutral Data Formats. Il piano è partito alla fine del 2022 e i partecipanti sono aziende di rilievo mondiale, fra le quali enti di ricerca, Università e industrie come Festo, Siemens, Procad, BMW e Mercedes. In effetti si parla molto di Digital Twins ma il “come” dev’essere fatto non è soggetto a normative e quindi DIAMOND è focalizzato alla definizione di un documento unico che descriva tutte le caratteristiche di un Digital Twin. Il fatto che CADENAS partecipi a questo importante progetto è rilevante e ne aumenta l’attrattività agli occhi delle industrie anche perché si rende portavoce delle istanze dei produttori.

L’onnipresente Intelligenza Artificiale è sicuramente una sfida anche per CADENAS: le attuali applicazioni, che portano ad alti livelli, per esempio, il riconoscimento delle immagini, derivano dallo sviluppo software. L’obbiettivo è quello di utilizzare l’AI e le tecnologie già implementate per creare un motore di ricerca ancora più ricco, efficiente e vicino ai bisogni dei progettisti.

Articoli correlati

Articolo 1 di 3