Atro, il sistema robotico modulare di Beckhoff tra le top 3 automazioni dell’anno per la guria dell’Hermes Award

Alla Hannover Messe Beckhoff Automation presenta le prime dimostrazioni di Atro, il sistema robotico modulare che può essere utilizzato per costruire su misura la struttura ideale per qualsiasi applicazione, offrendo così una grande flessibilità. Il sistema è stato nominato come “top 3 automazione dell’anno” dalla giuria dell’Hermes Award.

Pubblicato il 17 Apr 2023

VideoCapture_20230417-171551

È stato riconosciuto come una delle top tre soluzioni di automazione dell’anno Atro, il sistema di robotica modulare di Beckhoff Automation che può essere utilizzato per costruire su misura la struttura robotica ideale per qualsiasi applicazione, offrendo così una grande flessibilità.

Il sistema, non ancora disponibile sul mercato, è stato nominato nell’ambito del premio Hermes Award che ogni anno viene riconosciuto a un’azienda che si è distinta dalla concorrenza per un apporto particolarmente innovativo a livello tecnologico – come una delle top tre automazioni dell’anno.

Dopo un 2022 positivo in termini di fatturato ed espansione, sia sul fronte dell’offerta che della presenza a livello mondiale, Beckhoff Automation partecipa alla fiera di Hannover presentando diverse novità sia sul fronte software che hardware.

Novità che sono appunto il risultato degli ingenti investimenti fatti dall’azienda in ricerca e innovazione e che Beckhoff ha già anticipato nel corso della SPS di Norimberga dello scorso novembre.

Il 2022 di Beckhoff Automation

Nel 2022 Beckhoff Automation ha registrato un nuovo record di vendite, con un fatturato di 1,5 miliardi di euro (il più alto mai registrato dall’azienda), in crescita del 28% sull’anno precedente.

Il dato del 2022 porta la crescita cumulativa dell’azienda negli ultimi due anni (2021 e 2022) a +64%, in uno scenario di mercato non semplice.

Anche per l’anno in corso, Beckhoff prevede un’ulteriore crescita a doppia cifra, garantita dall’evasione degli ordini già raccolti. Tuttavia, in tutto il mondo si sta osservando un calo significativo degli ordini, in gran parte attribuibile alla reazione tecnica alla riduzione dei tempi di consegna, e solo in piccola parte dovuto alla leggera recessione economica.

Gli ultimi due anni sono stati caratterizzati da forti strozzature nella fornitura nel settore dei semiconduttori, che costituiscono un componente essenziale di tutti i prodotti Beckhoff. Ciò ha comportato tempi di consegna estremamente lunghi per Beckhoff e per l’industria dell’automazione nel suo complesso. Tuttavia, l’azienda ritiene che la situazione si stia attenuando.

“Al più tardi entro la fine dell’anno, saremo generalmente in grado di confermare nuovamente tempi di consegna normali per i nostri clienti”, commenta Hans Beckhoff, fondatore e Managing Director dell’azienda.

I risultati del 2022 sono stati il frutto anche di una strategia di innovazione che ha portato l’azienda ha investire, lo scorso anno, 80 milioni di euro in attività di ricerca e sviluppo, un impegno che l’azienda intende continuare anche nei prossimi anni.

Sforzi che hanno permesso all’azienda di presentare, a fine 2022, una serie di novità sia sul fronte software che hardware. Novità che l’azienda ha esposto alla Hannover Messe.

Atro, il sistema modulare di Beckhoff per realizzare robot su misura

Dopo averlo presentato in anteprima nel 2022, Beckhoff ha messo in mostra alla fiera di Hannover Atro, un sistema modulare che può essere utilizzato per assemblare in modo individuale e flessibile le strutture robotiche ottimali per le diverse applicazioni.

I moduli motore standardizzati con funzionalità di azionamento integrate e condotti per l’aria compressa, insieme ai moduli di collegamento di varie forme e lunghezze, consentono combinazioni meccaniche pressoché illimitate.

La completa integrazione del controllo nella piattaforma di controllo globale TwinCAT offre un accesso diretto a un’ampia gamma di funzioni di automazione collaudate. Ciò apre agli utenti un’ampia gamma di possibilità individuali per implementare la propria cinematica.

Le prestazioni della macchina sono massimizzate dall’integrazione diretta della soluzione robotica nel controllo del movimento, nella sicurezza, nell’apprendimento automatico, nell’IoT, nell’analisi, nella visione, nell’ingegneria cloud e nell’HMI, nonché dalla combinazione diretta con sistemi di trasporto intelligenti come XPlanar e XTS.

Inoltre, tutti i componenti sono completamente collegati in rete tra loro. Questo non solo comporta una precisa sincronizzazione temporale, il che significa che le interazioni altamente dinamiche tra i sistemi sono facilitate anche durante il trasporto dei prodotti, ma facilita anche naturalmente l’accesso reciproco ai dati, eliminando così la necessità di configurazioni complesse.

Il tempo e l’impegno necessari per la messa in funzione del robot sono notevolmente ridotti, consentendo di effettuare i primi movimenti in pochi minuti.

La nuova soluzione robotica si integra perfettamente con l’approccio olistico della filosofia di controllo basata su PC e EtherCAT.

Alla fiera di Hannover Beckhoff ha presentato alcune applicazioni in teca di Atro che potete vedere nel video che vi riportiamo di seguito.

Le telecamere Beckhoff Vision

Prima volta alla Hannover anche per le telecamere Beckhoff Vision, presentate pochi mesi fa in occasione della fiera SPS di Norimberga.

Con Beckhoff Vision, l’azienda ha completato il catalogo dell’offerta rivolta all’area dell’elaborazione industriale delle immagini in tempo reale, che può essere ora facilmente integrata in ambienti di controllo nuovi ed esistenti, nonché sincronizzata in modo ottimale con tutti i processi delle macchine e degli impianti.

In questo modo, la separazione precedentemente rigida tra tecnologia di visione e automazione viene ulteriormente eliminata grazie all’integrazione del sistema in tutti gli ambienti.

Il Sistema MX che elimina il quadro elettrico

Tra i prodotti che Beckhoff porta in fiera anche l’MX-System, il sistema modulare per l’automazione senza armadi elettrici.

Il sistema riunisce tutti i compiti e le caratteristiche di un quadro elettrico: alimentazione di energia, protezione e distribuzione dei fusibili, generazione e monitoraggio delle tensioni ausiliarie, controllo della sequenza con gli ingressi e le uscite, controllo dei motori e degli attuatori, nonché il livello di connessione per i dispositivi di campo.

L’integrazione completa di tutte le funzionalità della macchina si ottiene tramite moduli IPC, accoppiatori, I/O, motion, relè e di sistema liberamente selezionabili, che possono essere configurati e combinati in base all’applicazione specifica.

L’approccio sistemico coerente dei moduli coordinati in modo olistico riduce enormemente l’impegno richiesto per la progettazione, il montaggio, l’installazione della macchina e la manutenzione.

Poiché per realizzare gli stessi requisiti sono necessari molti meno componenti rispetto alla costruzione di armadi di comando tradizionali, l’intero sistema MX è molto più compatto rispetto alle soluzioni precedenti, a fronte di una maggiore flessibilità e disponibilità.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5