Intelligenza artificiale

Dal controllo qualità alla manutenzione: Audi punta sull’AI per efficientare i processi produttivi

L’intelligenza artificiale aiuta ad efficientare diversi processi nell’automotive, dal controllo qualità nei processi di saldatura delle carrozzerie alla produzione manutentiva. I vantaggi per le aziende che scelgono di automatizzare questi progetti sono diversi, come mostrano i risultati di un progetto pilota di Audi, che ora ha deciso di portare l’AI anche all’interno di altri stabilimenti del gruppo.

Pubblicato il 14 Lug 2023

Audi AI

Audi punta sull’intelligenza artificiale per efficientare il controllo qualità nella saldatura delle carrozzerie.

Dopo aver implementato, con successo, un progetto pilota nello stabilimento di Neckarsulm, l’azienda punta ora ad implementare il sistema in altri tre impianti del Gruppo Volkswagen.

Controllo qualità più efficiente e mirato

Grazie all’intelligenza artificiale, nell’impianto Audi di Neckarsulm vengono analizzati circa 1,5 milioni di punti di saldatura su 300 veicoli per ogni turno di produzione.

Fino a poco tempo fa, invece, i tecnici utilizzavano gli ultrasuoni per monitorare manualmente la qualità dei processi di saldatura a punti di resistenza effettuando analisi a campione.

In questo modo si controllavano 5.000 punti di saldatura per veicolo, mentre con l’intelligenza artificiale i tecnici possono concentrarsi sulle eventuali anomalie. In questo modo il controllo qualità risulta invece più efficiente e mirato.

Dal controllo qualità ad altri processi

I dati generati utilizzando l’intelligenza artificiale potranno essere impiegati anche per ottimizzare altri processi, come per esempio la manutenzione predittiva per i veicoli che già circolano su strada.

“Le linee di assemblaggio digitalizzate sono alla base della visione Audi per la produzione del futuro: rendere la produzione sempre più efficiente in tutti i siti Audi è parte della strategia 360factory e l’uso dell’intelligenza artificiale nella produzione in serie ha un potenziale enorme in tal senso”, spiega Gerd Walker, Membro del Consiglio di Amministrazione Audi con responsabilità per Produzione e Logistica.

Per rendere il processo a prova di audit e certificazione, lo sviluppo nell’impianto di Neckarsulm è stato effettuato in stretta collaborazione con la Società tedesca per la certificazione dei sistemi di gestione (DQS), con l’Istituto Fraunhofer per l’Ingegneria Industriale e l’Istituto Fraunhofer per l’Ingegneria di produzione e l’Automazione.

Un approccio reso necessario dal fatto che attualmente non esistono standard o certificazioni garantiti da un ente indipendente per le applicazioni di intelligenza artificiale.

L’implementazione presso altri stabilimenti

L’utilizzo di questa tecnologia innovativa sarà esteso ad altri stabilimenti del Gruppo Volkswagen: l’infrastruttura tecnica per l’uso dell’IA è già in fase di installazione nell’impianto Audi Bruxelles.

Entro fine 2023 il sistema sarà implementato presso Sarà lo stabilimento Volkswagen di Emden e del quartier generale Audi di Ingolstadt.

Nella fase attuale dei lavori presso i tre siti, i tecnici specializzati stanno identificando le differenze nelle impostazioni di saldatura per addestrare di conseguenza il modello dell’intelligenza artificiale.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 3