La piattaforma Q3-Premium di Danieli Automation e beanTech tra i vincitori del Microsoft Intelligent Manufacturing Award

Danieli Automation e beanTech sono tra i vincitori del Microsoft Intelligent Manufacturing Award 2023, il premio conferito da Microsoft e Ronald Berger alle soluzioni digitali creative e innovative per la manifattura del futuro. Le aziende hanno ricevuto il riconoscimento per la piattaforma Q3-Premium rivolta al controllo e alla certificazione della qualità per il settore siderurgico.

Pubblicato il 29 Mar 2023

Danieli-Automation_beanTech_Q3-premium

Ci sono anche due aziende italiane, Danieli Automation e beanTech, tra i vincitori del Microsoft Intelligent Manufacturing Award 2023 (Mima 2023), il premio conferito da Microsoft Germania e la società di consulenza tedesca Ronald Berger alle soluzioni digitali creative e innovative che stanno aprendo la strada alla manifattura del futuro.

La competizione, che è giunta al suo terzo anno, ha raccolto 50 proposte – provenienti da aziende che operano nell’area Europa, Middle East e Africa (EMEA) – di soluzioni volte a migliorare le catene del valore dell’industria manifatturiera attraverso la digitalizzazione.

I candidati hanno gareggiato in cinque categorie: Innovate!; Scale!; Add Value!; Disrupt!; Sustainability!. Dei 50 progetti presentati, 15 hanno avuto accesso alla fase finale della competizione. Infine, il comitato consultivo di Mima, in qualità di giuria del premio, ha scelto un vincitore per categoria e un vincitore assoluto.

Il premio a Danieli e beanTech

Daniel e beanTech hanno ricevuto il premio per la categoria “Innovate!” con la piattaforma Q3-Premium, una soluzione software modulare per il quality control e quality assurance nella produzione dei metalli.

Basata su tecnologie e metodologie IIoT, analitiche e AI all’avanguardia, l’applicazione costituisce un potente sistema orientato alla qualità, volto a ottimizzare la produzione e a migliorare la qualità del prodotto finale.

La produzione di metalli oggi è accompagnata da un processo complesso e ad alta intensità di dati che richiede un elevato livello di controllo della qualità e di efficienza. Tuttavia, molte aziende si affidano ancora a soluzioni obsolete che non sono in grado di gestire le grandi e diverse fonti di dati generate dall’automazione e dalla gestione della qualità.

Di conseguenza, le acciaierie si trovano ad affrontare sfide quali carenze qualitative, grandi volumi di scarti, consumi eccessivi e aumento delle emissioni.

Con Q3-Premium, Danieli Automation, insieme al partner tecnologico beanTech, riesce a soddisfare i crescenti requisiti nella produzione di metalli utilizzando una piattaforma IoT industriale personalizzata e tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale (AI) e le tecnologie AR/VR.

L’obiettivo è quello di espandersi in un sistema di gestione della qualità a livello di impianto che permetta di ottenere i migliori risultati nella produzione attraverso azioni correttive online guidate dai dati per l’ottimizzazione della qualità.

La piattaforma, infatti, è progettata per raccogliere grandi quantità di dati da fonti diverse e per fornire strumenti per lo sviluppo di analisi statistiche e modelli predittivi sia on-premises che nel cloud.

L’integrazione degli insight generati dall’analisi dei dati in tempo reale consente di individuare tempestivamente potenziali problemi e di fornire un supporto decisionale proattivo per la rapida attuazione di azioni correttive e preventive.

La piattaforma è il risultato di una partnership che le aziende hanno stretto nel 2006 e che le vede impegnate in un progetto di manufacturing e business analytics basato sull’analisi dei dati raccolti all’interno degli impianti siderurgici e vanta installazioni in oltre 100 impianti nel mondo.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5