Rittal lancia i nuovi adattatori IoT per condizionatori 4.0

Il nuovo adattatore IoT Rittal permette di connettere i condizionatori “Blue e” ai sistemi intelligenti che si occupano di condition monitoring, rendendoli così parte integrante dell’ecosistema Industria 4.0

Pubblicato il 23 Gen 2020

IOT interface

Rittal ha lanciato sul mercato un nuovo adattatore IoT per i suoi condizionatori “Blue e” in grado di connetterli, in modo semplice e veloce, ai sistemi intelligenti di Condition Monitoring e di IoT (Internet of Things), ora un requisito sempre più importante per l’Industria 4.0.

Rittal ha sviluppato il nuovo adattatore IoT in quanto le vecchie unità Blue e non erano in grado di comunicare direttamente con l’interfaccia IoT.

Il nuovo adattatore è compatibile con tutti i condizionatori della serie “Blue e” standard e in acciaio inox, installati a tetto o a parete e equipaggiate con controllore Comfort. Permette a tutte le vecchie unità Blue di comunicare direttamente con l’interfaccia IoT e allo stesso modo le unità di raffreddamento Rittal con classificazione Nema 3R/4 o Nema 4X – spesso utilizzate all’esterno – possono essere integrate nelle applicazioni Internet of Things.

L’intero sistema può essere configurato e messo in servizio tramite il web server integrato nell’interfaccia IoT – in modo rapido, conveniente e senza necessità di programmazione. Le unità di raffreddamento Blue e sono integrate in sistemi di livello superiore utilizzando la stessa interfaccia IoT che Rittal commercializza per unità della gamma successiva, Blue e +.

Il nuovo adattatore offre molteplici possibilità di gestione dati tra cui:

  • il monitoraggio fino a 10 unità di raffreddamento in configurazione master-slave,
  • la raccolta e registrazione dei dati relativi ai valori elettrici e termomeccanici,
  • l’analisi di efficienza energetica del quadro elettrico,
  • la gestione degli allarmi relativi a guasti e superamento di soglia impostati.

Tutto questo produce un risparmio economico in termini di consumi energetici e previene improvvisi e costosi fermi macchina.

Inoltre alla gestione della macchina si aggiunge il controllo e il monitoraggio della componentistica elettrica e di comando nelle applicazioni outdoor quali produzione da fonti rinnovabili, sistemi di controllo illuminazione pubblica e sistemi di videosorveglianza.

Valuta la qualità di questo articolo

R
Valentina Repetto

Appassionata di tecnologia ma con un amore incondizionato verso la natura, si dedica alla fotografia e al video editing. Curiosa e esploratrice verso tutto ciò che la circonda. Laureata in Scienze e Tecnologie Multimediali, indirizzo comunicazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5