Lavorazioni meccaniche

Da Makino nuovi centri di lavoro verticali Slim per volumi elevati

La gamma di centri di lavoro verticali compatti centri di lavoro verticali compatti di Makino si arricchisce con l’aggiunta di nuovi modelli e della funzionalità di tornitura.

Pubblicato il 12 Feb 2024

Makino

Makino, costruttore macchine utensili CNC e centri di lavoro, espande la serie Slim di centri di lavoro verticali compatti con l’introduzione di macchine di dimensioni aggiornate e l’aggiunta della funzionalità di tornitura.

Con oltre 3.500 macchine già vendute, la famiglia Slim di centri di lavoro verticali compatti ha dimostrato dal 2014 il suo valore nel mercato mondiale della produzione ad alti volumi.

Il successo della Slim3n

Progettata per operazioni di valore medio-altissimo, Slim3n può eseguire lavorazioni con cono #30 con il massimo grado di flessibilità del settore. Ciò che differenzia Slim3n dagli altri centri di maschiatura sono le esclusive capacità del suo mandrino, l’interfaccia HSK e uno dei più alti rapporti corsa X/larghezza macchina, aumentando notevolmente le sue prestazioni per metro quadrato.

La storia di successo di Slim3n è dovuta alla flessibilità di Makino nel soddisfare le richieste dei propri clienti. I produttori di componenti ad alto volume richiedono tempi di realizzazione più brevi possibili in un layout super compatto. Slim3n è progettata per essere altamente personalizzabile e soddisfare proprio queste esigenze, offrendo di tutto: da 3 a 4+1 assi, dalla tavola fissa al cambio pallet automatico con attrezzature idrauliche.

Le numerose caratteristiche del design sono un altro fattore chiave nella storia di successo di Slim. Con tutti gli assi della macchina sul mandrino, supporta qualsiasi processo di automazione e facilita il caricamento dei pezzi senza fermare la linea di produzione.

Il design consente inoltre un movimento altamente dinamico degli assi ed ottimizza l’area di lavoro. Sulla tavola non ci sono elementi in movimento, un altro fattore importante per i processi di produzione a lungo termine. Il vantaggio è che il peso dei pezzi non influisce sui movimenti e sulla precisione della macchina.

Slim5n

Dopo aver ascoltato le richieste dei clienti, Makino ha sviluppato la Slim5n con il 30% in più di area di lavoro in una macchina con appena 200 mm di larghezza in più, ma con profondità e altezza invariate.

La Slim5n continuerà a offrire lo stesso elevato grado di flessibilità della Slim3n, il che significa un mandrino da 8.000 giri/min per applicazioni a coppia elevata e un mandrino standard da 16.000 giri/min, entrambi con interfaccia HSK-A50 per massimizzare l’affidabilità del processo e la rigidità.

Slim3n Fresatura-Tornitura

Questo nuovo membro della famiglia Slim è disponibile in due differenti configurazioni per soddisfare le esigenze specifiche di due gruppi di utenti specifici. Questo modello comprende due aree di lavorazione, una per la fresatura e una per la tornitura, entrambe all’interno della stessa tavola.

Destinata alle officine meccaniche in generale, questa macchina ridurrà la complessità del processo, il che è particolarmente importante per le aziende più piccole. Poiché ogni operazione, fresatura o tornitura, è consolidata in un’unica macchina, gli utenti otterranno un pezzo finito ogni volta che eseguono un ciclo.

La seconda configurazione di Slim3n Mill-Turn è più adatta alle aziende di produzione che richiedono diametri di tornitura maggiori e non trarrebbero vantaggio dal consolidamento del processo. Qui, il motore rotante è al centro di una tavola simmetrica con una maggiore capacità per componenti come gli alloggiamenti dei motori EV.

Entrambe le configurazioni sono dotate di un’opzione di smussatura, che aumenta notevolmente le prestazioni nella produzione di ingranaggi, insieme a un motore da 3.000 giri/min per la tornitura e le stesse configurazioni del mandrino di Slim3n.

Automazione a portale Slim3n

L’aspetto automazione interesserà particolarmente i produttori di componenti nel mercato dei veicoli elettrici, dove le dimensioni dei lotti non stanno ancora aumentando nella misura prevista. Come soluzione su misura per gestire tale incertezza, Makino ha sviluppato un pacchetto di automazione per un massimo di quattro macchine che carica i pezzi all’interno del sistema e può essere espanso per nuovi volumi con l’aumento delle dimensioni dei lotti.

Dopo che gli utenti hanno caricato i pezzi su un nastro trasportatore, il sistema 2/3 identifica ciascun pallet e il pezzo da produrre e ordina a una macchina specifica di produrre il componente, senza che sia richiesto l’intervento dell’utente

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5