Non solo IT e automazione: a SPS Italia 2019 la formazione e le competenze per l’industria del futuro

La “nona sinfonia”: con questa metafora è stata presentata oggi a Milano la prossima edizione – la nona, appunto – di SPS IPC Drives Italia, la fiera di riferimento in Italia sull’Automazione e l’IT per l’industria che si terrà dal 28 al 30 maggio a Parma. Il perché della metafora musicale è presto detto: tra i protagonisti della giornata odierna il pianista Roberto Prosseda e TeoTronico, il robot-pianista sviluppato da Morsetti Italia, impegnati in un divertente duetto a rappresentare l’evoluzione in chiave collaborativa del rapporto tra uomo e robot. Robotica che – lo anticipiamo subito – sarà uno dei temi tecnologici al centro dei tanti progetti speciali che Messe Frankfurt Italia ha messo a punto per questa edizione della fiera.

Un momento del duetto tra Teo e il pianista Roberto Prosseda

“Da nove edizioni seguiamo le evoluzioni straordinarie di SPS Italia, un progetto che cresce cogliendo i risvolti di una rivoluzione tecnologica e sociale”, spiega Donald Wich, Amministratore Delegato di Messe Frankfurt Italia. “La manifestazione negli anni ha triplicato i propri risultati favorendo la contaminazione di competenze ed esperienze di innovazione. In questa direzione l’appuntamento nel 2019 si concentrerà su tematiche chiave per l’industria grazie a collaborazioni altamente qualificate con i nostri partner”.

Talenti e protagonisti dell’industria del futuro

Ma prima ancora delle tecnologie, l’evento di oggi ha sottolineato che al centro del progetto dell’edizione 2019 di SPS Italia ci sarà il tema della formazione e delle competenze. “Lo sviluppo di nuove competenze e la ricerca di profili altamente qualificati, necessari per guidare macchine e tecnologie complesse, accompagna gli investimenti negli impianti. In questo contesto la formazione è l’elemento chiave e SPS Italia, grazie al coinvolgimento di Fondazione Cariplo, ne fa uno dei focus offrendo un’opportunità di incontro tra imprese e istituti tecnici”, spiega l’organizzatore.

Sul palco sono saliti, oltre ai rappresentanti delle associazioni che supportano il progetto, anche Renato Cerioli, Presidente di Cariplo Factory, Eugenio Gatti, direttore generale della Fondazione Politecnico di Milano, Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo, Fiorella Operto della Scuola di Robotica e il filosofo Franco Bolelli, che si sono rivolti a un centinaio di studenti delle scuole superiori ai quali Messe Frankfurt Italia ha aperto le porte. Di “Esperienze e orizzonti a confronto” hanno poi discusso Alessandro Basso, CEO MecTho Srl, Alvise Di Canossa, Presidente Arterìa, Remo Sala, Fondatore di Spin off universitari nelle tecnologie 4.0 e professore di Misure Meccaniche e Termiche al Politecnico di Milano, Marco Vecchio, Segretario ANIE Automazione, e Gianluigi Viscardi, Presidente Cluster Tecnologico Nazionale Fabbrica Intelligente e CEO di Cosberg.

“Continua l’impegno di Fondazione Cariplo nei confronti di docenti e studenti degli istituti tecnici”, ha detto Renato Cerioli, Presidente di Cariplo Factory. “Con questo nuovo appuntamento abbiamo voluto ancora una volta valorizzare il talento e le capacità dei giovani attraverso l’esperienza diretta degli imprenditori, protagonisti e fautori della trasformazione dell’industria 4.0. Grazie al lavoro congiunto con SPS daremo la possibilità ad oltre 2.000 studenti di poter visitare, con attività e percorsi formativi dedicati, la prossima edizione di SPS IPC Drives Italia, il più grande evento italiano sul tema dell’automazione e del digitale. Ma l’evoluzione del progetto SI in termini di impatto sul territorio non finisce qui. L’evento odierno ci ha permesso anche di coinvolgere le famiglie, un target fondamentale per supportare i propri figli nella decisione di un percorso per la crescita umana e professionale. Ci auguriamo che i ragazzi in futuro possano diventare i migliori testimoni sul territorio per comunicare l’importanza dell’istruzione tecnica”. 


District_4.0

Il tema della formazione sarà protagonista delle quattro tappe di avvicinamento alla fiera (Cernobbio il 30 gennaio sul Tessile, Milano il 21 febbraio sul Farmaceutico, Bologna il 20 marzo sul Packaging e Torino il 10 aprile 2019 su Automotive e Aerospace) e naturalmente anche del main event – SPS Italia – di fine maggio a Parma. Qui il percorso District_4.0, dedicato all’automazione avanzata, alla robotica e meccatronica e al digitale, sarà arricchito da una serie di eventi formativi curati da partner accademici. 

“Il fatto che in SPS Italia si parli non solo di tecnologie ma anche di competenze e di talenti sposa in pieno la visione che abbiamo del ruolo dell’associazione e rende questo evento il palcoscenico ideale per valorizzare il livello raggiunto dal settore in Italia e i trend che caratterizzeranno il futuro”, ha detto Domenico Di Monte, Presidente di Assofluid.

L’intervista

A margine dell’evento abbiamo intervistato Donald Wich, AD di Messe Frankfurt Italia, e Francesca Selva, Vice President Marketing & Events di Messe Frankfurt Italia, che vi hanno raccontato le novità dell’edizione 2019 di SPS Italia.

 

Franco Canna

Giornalista professionista ed esperto in creazione e gestione di contenuti digitali e social media. Grande appassionato di tecnologia, collabora dal 2001 con diverse testate B2B nel settore industriale scrivendo di automazione, elettronica, strumentazione, meccanica, ma anche economia e food & beverage, oltre che con organizzatori di eventi, fiere e aziende. E’ segretario e membro del Consiglio Direttivo della sezione milanese di ANIPLA, l’Associazione Nazionale Italiana per l’Automazione.

Franco Canna ha 1061 articoli e più. Guarda tutti gli articoli di Franco Canna

Un pensiero riguardo “Non solo IT e automazione: a SPS Italia 2019 la formazione e le competenze per l’industria del futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pin It on Pinterest