Nasce Edih4Manu, la rete degli European Digital Innovation Hub che aiuterà le imprese a ridisegnare la manifattura europea del futuro

Promuovere l’innovazione nella manifattura sia a livello regionale che tra i Paesi membri dell’UE, condividendo best practice e accelerando la digitalizzazione delle PMI: sono questi gli obiettivi dell’EDIH Manufacturing Network – Edih4Manu, la rete degli European Digital Innovation Hub con focus sul manifatturiero.

Il progetto, che sarà coordinato dall’EDIH Lombardia, riunisce 25 European Digital Innovation Hub (EDIH) delle regioni manifatturiere più competitive d’Europa e che da sole rappresentano oltre il 30% del valore aggiunto industriale europeo.

Il network è stato presentato ufficialmente il 25 gennaio con un evento che si è tenuto presso la sede del Competence Center MADE, uno dei partner dell’EDIH Lombardia. La presentazione è il risultato di un lavoro di collaborazione iniziato nel maggio 2021 con l’obiettivo di mappare i temi e le sfide rilevanti ai diversi settori del manifatturiero, potendo così individuare sfide comuni, best practice e differenziazioni su base regionale.

Che cos’è il network europeo Edih4Manu

Gli European Digital Innovation Hub, ricordiamo, sono uno dei pilastri pensati per offrire supporto alla trasformazione digitale delle imprese dell’Unione Europea: consorzi regionali di soggetti capaci di rendere più competitive le imprese dal punto di vista digitale, con un particolare focus sulle PMI.

Gli EDIH rientrano nell’ambito del programma Digital Europe, il programma di finanziamento UE per favorire la trasformazione digitale dell’Unione. I 25 membri dell’Edih4Manu sono alcuni di quelli selezionati tra i tanti progetti europei che sono pervenuti alla Commissione in risposta alla call ristretta lanciata nell’agosto del 2020.

Per l’Italia – ricordiamo – furono 41 i progetti selezionati per accedere alla seconda fase di valutazione da parte della Commissione, tra cui proprio EDIH Lombardia, il progetto della Lombardia con all’interno il Competence Center MADE.

EDIH Lombardia (che guiderà il network), tuttavia, non è rientrato tra i 13 progetti italiani che saranno finanziati al 100% – al 50% dall’UE, attraverso le risorse del programma Digital Europe e al 50% dall’Italia con un finanziamento che va da 1 a 3 milioni di euro per anno –, ma è tra i 17 che hanno ricevuto il Seal of Excellence e che quindi saranno finanziati al 50% dall’Italia.

Proprio perché non tutte le realtà che partecipano al network potranno contare su un finanziamento al 100% delle attività, i rappresentati della Commissione intervenuti all’evento di lancio del network hanno sottolineato la necessità di dialogare costantemente con le imprese dei territori regionali per poter individuare i servizi in grado di portare maggior valore aggiunto (per cui le imprese sarebbero disposte a pagare), così da garantire la sostenibilità economica del progetto.

Oltre all’EDIH Lombardia, partecipano all’Edih4Manu i seguenti European Digital Innovation Hub: Digitalis, Flanders (Belgio); EDIH SNL (South Netherland); EDIH Digihall, Ile de France (Francia); Politronics Auvergne Rhone (Francia); DIH4CAT Catalunia (Spagna); CIDIHUB Innovalia Canary islands (Spagna); Produtech DIH Norte (Portogallo); Neural (Veneto); Expand (Piemonte); Manuhub, LMS Patras (Grecia); Six Manufacturing EDIH West Finland (Finlandia); MADE (Danimarca); ShiftLabs Stockholm,West Sweden, East Middle Sweden (Svezia); EDIH Reihnland (Germania); EDIH Cassovium, East Slovak (Slovacchia); Digitization.Beyound.BW Baden Wuerttemberg (Germania); EDIH Franken & Schwaben (Bayern– Germania); Hubs4Industry Malopolska (Polonia); EDIH Ostrava, Ostrava (Cecoslovacchia); DIH Basque, Basque Country (Spagna); DIH NEB, North East Bohemia (Repubblica Ceca); Dihgigal, Galicia (Spagna); Walhub, Wallonia (Belgio); Artificial Intelligence EDIH (Ungheria).

Gli obiettivi dell’Edih4Manu

EDIH Manufacturing Network – Edih4Manu nasce con l’idea di mettere insieme l’ecosistema degli EDIH per attivare sinergie e scambiare best practice, in modo da rendere ancora più performanti le industrie manifatturiere dei singoli territori.

“L’obiettivo del network è quello di efficientare e rendere più efficaci per le imprese gli investimenti che Bruxelles ha deciso di fare sugli European Digital Innovation Hub. Trasferire formazione, informazione e conoscenze è un’attività molto difficile, per questo c’è bisogno di fare sinergia con chi come noi lo fa nel resto d’Europa”, spiega Marco Taisch, coordinatore di EDIH Lombardia e presidente di MADE 4.0.

“Essere alla guida del network è una cosa di cui siam orgogliosi perché rappresenta da una parte l’affermazione della leadership tecnologica del settore manifatturiero italiano e dall’altra significa poter guidare il miglioramento del trasferimento tecnologico in Europa. Siamo riusciti a coinvolgere nella rete 25 Digital Innovation Hub. Una risposta che ritengo entusiasmante. Attraverso questa rete informale si lavorerà nei prossimi anni con l’obiettivo di mettere a fattor comune best practices e condividere anche strumenti“, aggiunge.

Il network è partito in maniera informale a maggio del 2021 intercettando un bisogno reale di scambio di informazioni per valorizzare le diverse specializzazioni territoriali dell’industria manifatturiera.

Da allora, le realtà coinvolte hanno lavorato alla creazione del network anche attraverso la mappatura dei settori e delle infrastrutture tecnologiche presenti in ciascuna regione (e più in generale del contesto regionale in cui operano le aziende, i punti di forza e le criticità) e delineando i contorni della collaborazione strategica in un memorandum of understanding.

Collaborazione che permetterà al network di:

  • connettere le strategie di specializzazione delle diverse regioni
  • fare leva su un network cross europeo
  • cooperare con altri ecosistemi e programmi europei (come Horizon e Digital Europe)
  • fare leva su una catena del valore europea

Un portfolio transeuropeo di servizi alle imprese

Il prossimo passo riguarda l’implementazione del portfolio dei servizi che saranno offerti alle aziende attraverso la rete dell’Edih4Manu, raggruppati in quattro macro-aree: test before invest; formazione e competenze; accesso ai fondi di ricerca e innovazione; ecosistema innovativo e networking.

I servizi di test before invest comprendono una serie di attività legate all’accelerazione della digitalizzazione delle imprese europee (e soprattutto delle PMI), tra cui l’analisi della matutiyà digitale, secondo standard più dettagliati rispetto allo strumento fornito dalla Commissione (il Digital Maturity Assessment), che il network non sufficientemente dettagliato per capire le particolerità di ciascun settore e/o regione.

Le strutture della rete europea – ciascuna con una specializzazione propria per quanto riguarda settori e/o tecnologie – fungeranno, inoltre, da ambienti dimostrativi per permettere alle aziende di toccare con mano le tecnologie, oltre ad erogare servizi di supporto della trasformazione digitale delle imprese, tra cui: consulenza e supporto ai programmi di ricerca e innovazione; servizi di formazione e certificazione delle competenze; supporto per l’identificazione di programmi e/o fondi europei di ricerca e supporto alla formazione di consorzi; attività di networking legate alla gestione e la crescita dell’ecosistema.

Il lavoro di mappatura del contesto industriale di queste 25 regioni continuerà nel tempo, così da poter associare le tecnologie più rilevanti e vantaggiose per ciascun settore del manifatturiero.

Quando sarà pienamente sviluppato, il network Edih4Manu supperterà l’innovazione del sistema industriale europeo, grazie alla possibilità di fare leva sulle specializzazioni e le competenze di ciascuna struttura e ciascuna regione, per consentire alle regioni e alle imprese che sono in una posizione più arretrata nel percorso digitale di poter beneficiare del know-how, dell’esperienza e delle bast practice consolidate dalle realtà e dalle regioni più all’avanguardia.

Inoltre, l’ecosistema promuoverà la cooperazione sia a livello verticale che orizzontale, favorendo progetti di innovazione tra imprese situate in diverse regioni e tra imprese di diversi settori. L’ecosistema non condividerà unicamente infrastrutture e know-how, ma consentirà di individuare il polo di innovazione più adatto al singolo caso: sono, infatti, già diversi i progetti che vedono coinvolte aziende e EDIH situati in diversi Paesi membri.

“Il valore aggiunto è poter attingere a conoscenze, tecnologie e capacità non limitate a livello locale, ma con un respiro internazionale. Siamo convinti che, grazie a questo network, saremo in grado di ottimizzare le risorse europee messe in campo e di ampliare le possibilità di innovazione per le imprese lombarde”, commenta Gianluigi Viscardi, il Presidente del Digital Innovation Hub Lombardia, uno dei membri del progetto EDIH Lombardia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.