Tecnologia e sostenibilità

Le novità di SMC a SPS Italia: focus su efficientamento e sostenibilità dei processi

SMC parteciperà a SPS Italia con una gamma di soluzioni innovative per l’efficienza energetica e la gestione dell’aria compressa. Tra le novità presentate, l’essiccatore a membrana Serie IDG-D e l’amplificatore d’aria energeticamente efficiente ZHV. Un ruolo fondamentale è svolto dal sistema Air Management System – AMS per la gestione ottimizzata dell’aria compressa.

Pubblicato il 24 Mag 2024

AMS sostema di gestione aria compressa

Riduzione degli sprechi e dei consumi energetici, ottimizzazione dell’impiego di aria compressa, monitoraggio dei consumi: saranno questi i temi al centro dello stand di SMC a SPS Italia, in programma dal 28 al 30 maggio a Parma.

La fiera sarà per l’azienda l’occasione per presentare alcune novità volte a rendere i processi industriali sempre più efficienti, adattivi e performanti. 

Focus sull’efficienza energetica

Tra le novità che l’azienda presenterà in fiera l’essiccatore a membrana con connessione modulare Serie IDG-D che consente una migliore rimozione dell’umidità e una riduzione dei costi energetici per l’essiccazione dell’aria compressa.

Per le applicazioni che richiedono elevate portate in aspirazione (vuoto) o in soffiaggio e di conseguenza hanno un elevato consumo di aria compressa, SMC propone l’amplificatore d’aria ad efficienza energetica ZHV che offre alte prestazioni in applicazioni con portate elevate. Efficiente dal punto di vista energetico, ZHV è compatto, leggero e funziona sia come unità di soffiaggio, sia come unità di vuoto.

Allo stand sarà possibile scoprire il nuovo cilindro a doppio stelo CXS2 ideale per lo spostamento preciso di carichi elevati; il cilindro senza stelo ad accoppiamento magnetico serie CY3-Z indicato per risparmiare spazio nelle macchine. Inoltre, è esente da perdite poiché non è necessario un collegamento meccanico.

Per chi ha la necessità di ottenere una regolazione affidabile della portata, SMC propone il nuovo controllore di portata IN502-44/45 che si caratterizza per compattata, facilità di installazione e di impostazione del flusso.

La digitalizzazione al servizio della pneumatica

Monitorare in modo costante i consumi è il primo passo per ottimizzare l’impiego di aria compressa e massimizzare l’efficienza energetica, migliorando le performance generali degli impianti.

A questo scopo SMC propone Air Management System – AMS, il sistema per la gestione dell’aria compressa. Una soluzione che permette di acquisire in tempo reale i principali dati di processo (portata, pressione e temperatura) e di gestirne in modo automatico le ottimizzazioni necessarie per ridurre i consumi durante le fasi produttive.

L’AMS permette la riduzione di sprechi e inefficienze grazie alla combinazione di regolatore, hub wireless e valvola di scarico della pressione residua. Oltre al monitoraggio del consumo d’aria, l’Air Management System può anche monitorare la pressione e la temperatura delle linee pneumatiche, per stabilire i parametri di riferimento per macchine e stabilimenti. L’analisi dei dati raccolti può costituire la base per la definizione di interventi preventivi e attività di manutenzione.

Sia la manutenzione predittiva, sia le strategie di monitoraggio basate sulle condizioni possono trarre beneficio dal sistema AMS poiché la raccolta dei dati aiuta a rilevare eventuali perdite e a fornire un’impronta digitale delle condizioni operative preferite. Il sistema monitora anche lo stato delle apparecchiature per analizzare le variazioni e ridurre di conseguenza i tempi di fermo, gli sprechi e la necessità di azioni correttive.

Il sistema consente anche di ridurre l’impatto ambientale dei processi grazie al risparmio di aria compressa ed elettricità, con conseguente riduzione della quantità di CO2 immessa in atmosfera. Il miglioramento del processo produttivo abilitato dal sistema, inoltre, permette di prevenire fermi macchina e migliorare l’efficienza funzionale.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5