INTRALOGISTICA

MiR1200 Transpallet: l’AI al servizio del rilevamento avanzato dei pallet

Il MiR1200 Transpallet è un dispositivo che utilizza l’intelligenza artificiale per il rilevamento avanzato dei pallet grazie alla tecnologia Nvidia Jetson AGX OrinNvidia. Il robot MiR, dotato di una visione 3D avanzata, risponde alle esigenze delle grandi imprese gestendo flussi di lavoro complessi con ampie flotte e molteplici sedi.

Pubblicato il 19 Mar 2024

MiR1200-PalletJack-photos2_low

MiR1200 Transpallet è un dispositivo sviluppato da Mobile Industrial Robots (MiR) che sfrutta l’intelligenza artificiale (AI) per il rilevamento avanzato dei pallet.

Questa tecnologia, basata su Nvidia Jetson AGX OrinNvidia, permette al MiR1200 Transpallet di utilizzare la visione 3D per individuare pallet e altri oggetti con un grado di precisione senza precedenti.

“Il MiR1200 Transpallet è il risultato dei nostri più recenti sforzi per superare i limiti della movimentazione autonoma dei materiali. Riteniamo che i sistemi di percezione AI integrati rappresentino un miglioramento significativo rispetto ai metodi di rilevamento convenzionali. Il nostro approccio ridurrà i tempi dei cicli di pick-and-place, offrirà il più elevato livello di precisione di prelievo sul mercato e consentirà di offrire costantemente ai nostri clienti funzionalità e valore aggiunti basati sull’intelligenza artificiale”, spiega Mads Paulin, Vice President R&D presso MiR.

MiR1200 Transpallet funziona perfettamente con gli altri robot mobili autonomi e con il software MiR

Progettato per integrarsi perfettamente nelle flotte di robot mobili autonomi (AMR) MiR esistenti e per interagire con la piattaforma MiR per il carico degli AMR, il MiR 1200 Transpallet rappresenta la soluzione ideale per le imprese di grandi dimensioni, che in genere gestiscono flussi di lavoro più complessi con flotte più grandi e sedi multiple. Queste aziende possono ora rivolgersi a MiR come unico interlocutore per la movimentazione dei materiali.

“L’ultimo nato della vasta gamma di AMR MiR, il MiR 1200 Transpallet, aggiunge un nuovo segmento applicativo alle nostre soluzioni esistenti per il trasporto di carichi leggeri e pesanti, il trasporto di pallet e molto altro. Tutti i robot possono essere perfettamente gestiti e integrati tramite il nostro tool di gestione delle flotte, MiR Fleet, e monitorati e ottimizzati tramite MiR Insights”, afferma Jean-Pierre Hathout, Presidente di MiR.

Adatto a navigare in ambienti complessi

Grazie alle sue capacità di visione 3D, il MiR 1200 Transpallet risolve le problematiche che molte aziende devono affrontare nella movimentazione dei materiali ad alta intensità di risorse, dove gli ambienti complessi rendono difficile l’automazione, che tuttavia è necessaria a causa della crescente carenza di manodopera.

Il MiR 1200 Transpallet è in grado di modificare dinamicamente il suo percorso per evitare ostacoli, come ad esempio oggetti presenti sul pavimento o cavi sospesi.

È in grado di gestire in tempo reale un gran numero di telecamere e dati lidar, accelerando l’intero stack sulla GPU e su diversi altri processori integrati nel modulo Nvidia Jetson AGX Orin. La sua capacità di muoversi senza problemi in spazi ristretti senza necessità di infrastrutture aggiuntive lo rende perfetto per ottimizzare l’efficienza logistica e garantire la consegna puntuale dei pallet.

“Con il MiR 1200 Transpallet abbiamo sviluppato un robusto transpallet AMR in grado di funzionare in strutture già esistenti che presentano sfide ambientali uniche per l’automazione. Durante la progettazione di questo robot, abbiamo sfruttato la nostra esperienza maturata nel software e gli AMR ad alta capacità di carico, frutto della fusione di MiR con AutoGuide, un’altra società di Teradyne, acquisita nel 2022. Inoltre, il robusto sistema di trazione a tre ruote del MiR1200 Transpallet è stato sviluppato grazie alla collaborazione con Logitrans, partner di MiR, che vanta oltre 80 anni di esperienza nella movimentazione dei materiali”, afferma Hathout.

La sicurezza prima di tutto

Il MiR 1200 Transpallet non significa solo velocità ed efficienza. Il fattore sicurezza rimane sempre la priorità assoluta, come sottolinea Hathout: “La sicurezza è nel DNA di ogni prodotto MiR. Il MiR 1200 Transpallet è stato progettato per essere conforme ai più recenti standard di sicurezza, tra cui l’ISO3691-4. La fusione di più piattaforme di sensori e di funzioni di sicurezza di alto livello offre un’alternativa molto più sicura ai carrelli elevatori, ai transpallet elettrici e manuali”.

Le caratteristiche principali del MiR 1200 Transpallet:

percezione basata sull’intelligenza artificiale e potenziata da Nvidia. Addestrata su oltre 1,2 milioni di immagini reali e sintetiche, questa soluzione consente un rilevamento rapido e preciso di pallet e ostacoli
elevata capacità della batteria e ricarica rapida. Grazie a un rapporto di ricarica di 1:14 e alla possibilità di effettuare ricarica parziale, il MiR 1200 Transpallet è l’ideale per flussi di lavoro intensi, 24 ore su 24, 7 giorni su 7
conformità agli standard di sicurezza ISO. Progettato per essere conforme alla norma ISO3691-4, garantisce un funzionamento sicuro in vari ambienti
sensoristica 3D per il rilevamento degli ostacoli. Il MiR1200 Transpallet combina un sensore LIDAR e la visione 3D per un rilevamento preciso degli ostacoli su pavimento, in altezza e nell’ambiente garantendo un posizionamento preciso e sicuro dei pallet
mobilità robusta. Il grado di protezione IP52 e le robuste ruote consentono una mobilità perfetta su diverse superfici, anche quelle difficili.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5