Ecco il Decreto Liquidità: finanziamenti garantiti per tutti, rinvio delle scadenze e Golden Power sulle aziende hi-tech

Il Decreto Liquidità contiene un pacchetto di misure che agevolano il ricorso al credito da parte delle imprese in difficoltà a causa della crisi. Oltre ai finanziamenti coperti dalla garanzia di Stato per tutti, ci sono il rinvio delle scadenze fiscali e il rafforzamento del Golden Power che viene esteso a diversi settori tra cui intelligenza artificiale, robotica, semiconduttori e cybersicurezza.

Pubblicato il 06 Apr 2020

WhatsApp Image 2020-04-06 at 21.41.17

Articolo aggiornato a seguito della pubblicazione del testo definitivo del decreto liquidità – decreto legge 8 aprile 2020 n. 23 in Gazzetta Ufficiale (trovate il link al PDF in fondo all’articolo) – Il Governo ha dato il via libera al Decreto Liquidità, contenente le misure di sostegno al credito verso le imprese in difficoltà a causa della crisi provocata dall’epidemia Covid-19. Un intervento che anticipa quello previsto per metà aprile, che si concentrerà invece sul sostegno al reddito dei lavoratori e delle famiglie.

Le misure principali per le aziende contenute nel decreto riguardano quattro ambiti:

  • Liquidità alle imprese tramite finanziamenti garantiti
  • Sostegno all’export
  • Rinvio delle scadenze fiscali
  • Rafforzamento del Golden Power (con estensione alle aziende hi-tech)

Si tratta di provvedimenti mossi dalla necessità di rispondere alla richiesta di liquidità da parte di un sistema economico “stressato” dal lockdown e resi possibili dal Temporary Framework concesso dalla Commissione Europea, che modifica le regole sugli aiuti di stato permettendo agli Stati membri di dare aiuti alle imprese in difficoltà a causa del Covid-19.

“Diamo liquidità immediata per quattrocento miliardi di euro alle nostre imprese, che siano piccole, medie o grandi”, ha detto il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. “Di questi, duecento miliardi andranno al finanziamento del mercato interno e altri duecento miliardi serviranno a potenziare il mercato dell’export. È una potenza di fuoco, un intervento poderoso che mobilita una cifra enorme”, continua Conte, spiegando che è importante che “tutto avvenga in modo celere, spedito, sicuro”.

Liquidità alle imprese

Da settimane le imprese italiane, in difficoltà a causa del blocco delle attività produttive non essenziali determinato dal DPCM 22 marzo e dalle successive modifiche, chiedevano un sostegno da parte del Governo per dotarsi della liquidità necessaria a far sì che, al termine dell’emergenza, non dovessero trovarsi costrette a chiudere.

Con il Decreto appena firmato, definito dal ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri un “bazooka di liquidità”, il Governo istituisce un sistema di garanzie che consente alle banche di erogare prestiti alle imprese con rischio zero (o molto ridotto): un’operazione in grado di “mobilitare fino a 200 miliardi di euro”, grazie all’effetto leva. Di questi, almeno 30 miliardi saranno indirizzati alle PMI, agli autonomi e alle partite Iva.

Lo scorso 3 aprile infatti la Commissione Europea ha chiarito che, nell’ambito del “Temporary Framework” per gli aiuti di Stato, i Paesi possono concedere aiuti alle imprese in deroga, attraverso finanziamenti a tasso zero, iniezione di capitale fino a 800.000 euro per azienda e garanzie fino al 100% sui prestiti.

Il quadro temporaneo concesso dall’Europa limita a 6 anni il periodo massimo per la restituzione del debito contratto dalle aziende: questo non ha permesso al Governo di allungare quanto avrebbe voluto (si era inizialmente parlato di restituzioni ultraventennali) la tempistica per la restituzione del credito ricevuto dalle imprese.

Di fatto la garanzia del 100% è prevista per i prestiti fino a 25.000 euro, e, con l’integrazione dei Confidi, per quelli per le Pmi fino a 800.000 euro. Per le altre resta una garanzia variabile dal 70% al 90%.

Le concessioni del Temporary Framework sono state sfruttate su più fronti nel Decreto Liquidità, attraverso appunto un sistema di garanzia diversificato per PMI e grandi imprese.

Professionisti, autonomi e PMI

“Il Governo ha inteso rispondere a un’esigenza assoluta delle imprese e dei nostri sistemi produttivi: avere la liquidità”, ha detto il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli. “Il nostro sistema produttivo è fatto anche di tante piccole Partita Iva, imprese artigiane, autonomi, professionisti. Per questo mondo abbiamo rafforzato uno strumento già conosciuto e utilizzato come il Fondo Centrale di Garanzia. Abbiamo fatto un’operazione amplissima, probabilmente la più ampia d’Europa come garanzie prestate dallo Stato. È una questione di fiducia: il Governo ha grande fiducia nei nostri imprenditori, nella capacità che avranno (se sostenuti) di ripartire dopo questo drammatico momento”.

Per fornire sostegno economico alle aziende più piccole, è stato infatti ulteriormente potenziato e allargato il Fondo di Garanzia per le PMI. La dotazione del fondo, già significativamente accresciuta dal decreto Cura Italia di marzo, è stata infatti aumentata a 7 miliardi e lo strumento è stato allargato verso il basso ad autonomi e professionisti e verso l’alto a imprese fino a 499 dipendenti. L’importo massimo garantito sale fino a 5 milioni di euro. Il Governo si aspetta di mobilitare in questo modo finanziamenti per 100 miliardi di euro. L’importo dei prestiti garantiti dal Fondo non potrà, in ogni caso, superare il 25% del fatturato delle imprese beneficiarie o il doppio degli importi dei salari.

Per le aziende fino a 499 dipendenti le misure previste dall’articolo 13  sono di tre tipi:

  • Garanzia al 100% su prestiti fino a 25.000 euro. Sul merito di credito dell’azienda non verrà fatta nessuna valutazione, né economico finanziaria né andamentale. In questo caso quindi le banche potranno erogare prestiti fino a 25 mila euro senza attendere l’autorizzazione del Fondo di Garanzia. Il rimborso del capitale non decorre prima di 24 mesi dall’erogazione del prestito. Servirà un’autodichiarazione in cui si attesta che l’attività d’impresa o professionale è stata danneggiata.
  • Garanzia al 90% a carico dello Stato, che può diventare 100% cumulando la garanzia di un terzo soggetto come i Confidi (i consorzi di garanzia collettiva dei fidi), su prestiti fino a 800.000 euro (il 25% per le aziende che hanno ricavi fino a 3.200.000 euro) con valutazione economico finanziaria e senza valutazione andamentale.
  • Garanzia al 90% su prestiti fino a 5 milioni di euro, con valutazione del solo modulo economico finanziario, e non di quello andamentale.

Per lavoratori autonomi, liberi professionisti e imprenditori individuali già il Cura Italia aveva consentito finanziamenti fino a 3.000 euro con durata inferiore a 18 mesi senza valutazione, a condizione di autocertificare il danno subito dalla diffusione dell’epidemia Covid-19. Il limite ora viene portato anche per loro a 25.000 euro con garanzia al 100% del fondo.

I rimborsi possono essere fatti in 6 anni. È stata snellita la burocrazia necessaria ad accedere al fondo: ad esempio, la valutazione antimafia per l’erogazione del prestito sarà successiva allo stesso. La pratica non avrà nessun costo d’istruttoria e l’erogazione punta ad essere il più veloce possibile, soprattutto nel caso dei prestiti fino a 25.000 euro, che non richiederà da parte della banca nessuna valutazione sul merito di credito dell’azienda.

Medie e grandi imprese

I prestiti delle banche alle medie e grandi aziende (con 500 o più dipendenti) saranno garantiti da Sace, società controllata da Cassa Depositi e Prestiti “per il sostegno delle imprese nel loro percorso di export e internazionalizzazione attraverso servizi assicurativi e finanziari”, che viene dotata di un fondo apposito da 1 miliardo di euro. Gli impegni assunti da Sace non dovranno superare l’importo complessivo di 200 miliardi di euro, di cui almeno 30 destinati a supporto di PMI, inclusi autonomi e professionisti.

Le garanzie vanno rilasciate entro il 31 dicembre alle imprese beneficiarie, che non devono rientrare tra le imprese in difficoltà alla data del 31 dicembre 2019 e non devono essere presente, alla data del 29 febbraio 2020, tra le esposizioni deteriorate della banca che eroga il prestito.

Come si è detto, la durata massima del prestito è di 6 anni e le imprese possono scegliere di avvalersi di un preammortamento di durata fino a 24 mesi.

Un ulteriore vincolo è dato dai limiti all’entità del prestito garantito, che non deve essere superiore al maggiore tra questi due parametri:

  • 25% del fatturato 2019
  • Doppio dei costi del personale dell’impresa relativi al 2019 (o dei costi attesi per i primi due anni, se l’impresa ha avviato l’attività dopo il 31 dicembre 2018)

In dettaglio

  • le imprese con meno di 5.000 dipendenti in Italia e un fatturato inferiore a 1,5 miliardi di euro ottengono una copertura pari al 90% dell’importo del finanziamento richiesto e per queste è prevista una procedura semplificata per l’accesso alla garanzia;
  • la copertura scende all’80% per imprese con oltre 5.000 dipendenti e un fatturato fra 1,5 e 5 miliardi di euro
  • la copertura scende al 70% per le imprese con fatturato sopra i 5 miliardi.

La copertura della Sace funzionerà anche per le piccole e medie imprese, anche individuali o partite Iva, ma solo se sarà già stato fruttato il credito rilasciato dal Fondo Centrale di Garanzia.

“Il nuovo strumento gestito da Sace sarà operativo in pochi giorni”, ha spiegato il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. “Stiamo già mettendo in campo una task force integrata col sistema bancario e con Sace per rendere immediatamente operativo questo strumento di garanzia”.

Sostegno all’export

Un altro fronte su cui è intervenuto il Governo nel Decreto Liquidità è il sostegno all’export, di cui si era già occupato il Cura Italia con l’istituzione del “Fondo per la Promozione Integrata” da 150 milioni di euro per il supporto del commercio all’estero dei nostri prodotti.

L’intervento introduce un sistema di coassicurazione in base al quale gli impegni derivanti dall’attività assicurativa di Sace sono assunti dallo Stato per il 90% e dalla stessa società per il restante 10%, liberando in questo modo fino a ulteriori 200 miliardi di risorse da destinare al potenziamento dell’export e come ha detto il ministro Luigi Di Maio, “assicurerà 50 miliardi di garanzie date da SACE agli esportatori che libereranno almeno altri 50 miliardi per le imprese”.

Rinvio delle scadenze fiscali

Dopo il rinvio deciso nel Decreto Cura Italia, è stata disposta la sospensione per imprese e professionisti delle scadenze fiscali relative anche ai mesi di aprile e maggio (previste per il 16 di entrambi i mesi). Rinviato anche il pagamento di ritenute e contributi. I versamenti dovranno infatti essere fatti entro il 30 giugno o, in alternativa, attraverso cinque rate mensili a partire da giugno.

Cambia però la platea di beneficiari: mentre Il Decreto Cura Italia fissava a 2 milioni di euro il limite di fatturato nel 2019 al di sotto del quale si poteva beneficiare di questa sospensione, con il decreto liquidità (articolo 18) alza significativamente il limite, ma solo per chi ha subito un calo del volume d’affari. In particolare

  • IVA, ritenute e contributi sono sospesi per chi ha avuto un calo di fatturato di almeno il 33% per ricavi/compensi sotto i 50 milioni e di almeno il 50% sopra tale soglia;
  • IVA, ritenute e contributi sono sospesi in ogni caso per i soggetti che hanno iniziato ad operare dal 1° aprile 2019;
  • Sospensione del versamento IVA per i residenti delle 5 province più colpite (Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Piacenza) se il calo del fatturato è di almeno il 33% a prescindere dalla soglia di fatturato.

Il periodo di riferimento per calcolare il calo è lo stesso periodo del 2019 (es. per le fatture di aprile 2020 va considerato il calo di fatturato di aprile 2020 rispetto ad aprile 2019).

Per quanto riguarda gli autonomi, il decreto (art. 19) estende la sospensione dei versamenti già prevista dal Decreto Cura Italia per chi avesse ricavi o compensi fino a 400 mila euro e non avesse sostenuto nel mese precedente spese per prestazioni di lavoro dipendente: la sospensione ora arriva fino a tutto maggio.

Credito d’imposta per l’acquisto di DPI

Il Decreto Liquidità prevede all’articolo 30  anche che vengano estese le tipologie di spese ammesse al credito d’imposta del 50% (fino a 20.000 euro) introdotto dal decreto Cura Italia per la sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro.

Alle spese operative già incentivate, si aggiungono quelle per l’acquisto di Dispositivi di Protezione Individuale (i DPI come guanti, mascherine, visiere, occhiali protettivi, tute di protezione e calzari), oltre a detergenti, disinfettanti e altri dispositivi per proteggere i lavoratori dall’esposizione ad agenti biologici o per tenerli a distanza di sicurezza (come i pannelli protettivi). Il limite di spesa per questa misura è di 50 milioni.

Golden Power esteso anche alle aziende Hi-Tech

Per proteggere le aziende italiane che, per effetto della crisi economica legata all’epidemia da Covid-19, in questo periodo sono più soggette a tentativi di scalate, il Decreto Liquidità ha ampliato, fino a fine 2020, il Golden Power – cioè la possibilità per il Governo di porre il veto all’operazione – alle aziende dei settori bancario, finanziario, assicurativo, sanitario, dell’energia, dei trasporti, dell’acqua, della sicurezza alimentare e della tecnologia: intelligenza artificiale, robotica, semiconduttori, cybersicurezza. In questo modo lo stato potrà bloccare scalate ostili ai danni di imprese ritenute strategiche per il Paese.

Anche le operazioni intra-europee richiederanno la preventiva autorizzazione del Governo nel caso in cui l’acquisizione comporti il controllo di aziende rientranti nei settori sopra descritti. Nel caso di operazioni extra-europee, invece, l’obbligo di notifica riguarderà tutte le acquisizioni di partecipazioni superiori al 10% da parte di soggetti non appartenenti all’Unione europea, se superiori alla soglia di un milione di euro, anche se non comportano l’acquisizione del controllo dell’azienda. Sono soggette all’obbligo di notificazione anche le altre operazioni “che determinano il superamento delle soglie del 15%, 20%, 25% e 50%”.

Il testo definitivo del decreto liquidità in PDF

Il testo definitivo del decreto liquidità – Decreto Legge 8 aprile n. 23 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Lo potete leggere e scaricare qui sotto

apr2020_decreto_liquidita_gazzetta

Valuta la qualità di questo articolo

B
Francesco Bruno

Giornalista professionista, laureato in Lettere all'Università Cattolica di Milano, dove ha completato gli studi con un master in giornalismo. Appassionato di sport e tecnologia, compie i primi passi presso AdnKronos e Mediaset. Oggi collabora con Dazn e Innovation Post.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 4