Visioni sul futuro

Una società in cui uomini e robot vivono in simbiosi: il futuro secondo Hiroshi Ishiguro

Secondo Hiroshi Ishiguro, professore dell’Università di Osaka e massima autorità in tema di intelligenza artificiale e robotica umanoide, nel futuro uomini e robot vivranno in simbiosi in una società in cui le macchine, sempre più autonome e in grado di “replicare” la coscienza umana, permetteranno agli uomini di superare le proprie limitazioni fisiche, per una società più sostenibile e inclusiva.

Pubblicato il 09 Ott 2023

20231009_mc_0374

Una società simbiotica, dove esseri umani e robot vivano insieme superando i vincoli del corpo, del cervello, dello spazio e del tempo: è questa l’idea di futuro di Hiroshi Ishiguro, scienziato giapponese e professore dell’Università di Osaka e massima autorità in tema di intelligenza artificiale e robotica umanoide.

Un sogno che parte dall’idea che le neuroscienze sviluppano robot umanoidi che consentono di comprendere meglio gli esseri umani.

“L’avatar eccede le abilità percettive ed espressive dell’essere umano”, ha dichiarato il professore nel corso del suo intervento presso l’Università Cattolica di Milano. E sono proprio gli avatar, secondo il professore, che permetteranno all’uomo di superare le sue costrizioni fisiche.

Creare una relazione tra uomo e macchina

Il professore è intervenuto analizzando gli scenari su cui si sta muovendo la ricerca in campo robotico, ad esempio verso la progettazione di robot sempre più simili all’uomo, e quali sono gli obiettivi che si intende raggiungere.

“Noi ci siamo occupati di sviluppare media informativi per comunicare tra uomini (ad esempio usiamo l’interfaccia vocale di Amazon, di Google e così via). E ora vogliamo esplorare l’idea di creare una relazione tra uomo e macchina“.

Grazie agli studi neuroscientifici gli androidi saranno realizzati su un modello umano per comprendere ancora meglio l’essere umano, i desideri e le intenzioni che lo rendono autonomo. Ed è proprio questa autonomia che, spiega il professore, potrebbe essere nel futuro appannaggio anche dei robot.

“Forse allora potremo arrivare a dire che anche il robot avrà una coscienza e capire la coscienza sarà proprio un ambito di ricerca nel prossimo futuro”, ha aggiunto.

Un pensiero che ha le sue radici nella cultura giapponese – per cui tutto ha un’anima – e che sarà presto realtà in un Pase dove si è già pronti a realizzare rapporti sociali tra umani e robot.

Perché avremo sempre più bisogno degli avatar

Rapporti non in contrapposizione ma strumentali al raggiungimento degli obiettivi dell’uomo, permettendogli di eliminare quelle barriere che oggi lo ostacolano. Il futuro dell’uomo è quindi un avatar, non in un’ottica di sostituzione, ma di potenziamento.

“Per raggiungere scopi più umani dobbiamo usare gli avatar – ha continuato Ishiguro –. Nel 1999 ho creato il mio androide Geminoid, la mia copia. L’operatore guarda il monitor, parla con il suo avatar che si comporta come tu vuoi che si comporti. Entro il 2050 dovremmo avere una società dove le persone saranno libere dai limiti del corpo, dello spazio e del tempo e dove le capacità dell’essere umano saranno rafforzate dall’AI”.

Secondo questa prospettiva in futuro tutti potranno lavorare o studiare liberamente eliminando per esempio il pendolarismo e avendo molto più tempo libero. Con i bambini negli asili, così come si sta già facendo in Giappone con gli anziani, potrebbero essere utilizzati gli avatar.

“L’idea è di virtualizzare il mondo reale attraverso gli avatar al punto che io potrei diventare una persona diversa, fare un lavoro diverso attraverso il mio avatar. Ma ci sono questioni etiche e di sicurezza da affrontare“.

Questioni non certo semplici da affrontare anche sotto il profilo normativo: c’è da ricordare, ad esempio, che nel regolamento dell’AI su cui sta lavorando l’UE vengono vietati sistemi di AI che “ingannano” l’utente, quindi quei sistemi che ricreano interazioni uomo-uomo senza che l’utente si renda conto di stare interagendo con una macchina. Una consapevolezza che, soprattutto quando si tratta di categorie fragili, non è sempre facile o immediata da instaurare.

Tuttavia, se da un lato queste tecnologie sollevano importanti dilemmi etici, dall’altro si sta diffondendo una sempre maggiore consapevolezza sul contributo imprescindibile che questi sistemi possono portare nella creazione di società più sostenibili e inclusive.

“Gli umani hanno corpi fisici e discriminano sulla base del corpo, del colore della pelle, o di possibili disabilità, con gli avatar la società sarebbe più inclusiva”, ha spiegato Ishiguro.

Quali scenari possibili per il futuro?

Quello che vent’anni fa sembrava fantascienza assume oggi contorni più realistici. Dunque, si è domandato lo scienziato, che tipo di società avremo tra decine di migliaia di anni?

“In futuro ci sarà una vita intelligente inorganica – ha spiegato il professore –, non immortale ma avremo vite più lunghe accettando tecnologie molto avanzate. La vita umana dipende dai geni. D’altra parte, noi possiamo migliorare le nostre capacità attraverso la tecnologia. Sono due possibilità evolutive e la seconda può essere molto più rapida rispetto a quella genetica”.

Si spinge ancora più in là Ishiguro, affermando che “la differenza tra uomo e animale è l’utilizzo della tecnologia e lo sviluppo tecnologico non si ferma mai. L’obiettivo è quindi arricchire la nostra vita grazie alla tecnologia e al suo sviluppo. In ultima analisi il genere umano viene dall’inorganico e tornerà ad essere inorganico”.

Valuta la qualità di questo articolo

C
Michelle Crisantemi

Giornalista bilingue laureata presso la Kingston University di Londra. Da sempre appassionata di politica internazionale, ho vissuto, lavorato e studiato in Spagna, Regno Unito e Belgio, dove ho avuto diverse esperienze nella gestione di redazioni multimediali e nella correzione di contenuti per il Web. Nel 2018 ho lavorato come addetta stampa presso il Parlamento europeo, occupandomi di diritti umani e affari esteri. Rientrata in Italia nel 2019, ora scrivo prevalentemente di tecnologia e innovazione.

email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 5